In preda a crisi isterica danneggia una chiesa, portato di peso in ospedale

E' un 30enne di Taurisano. A Lecce, invece, una denuncia per evasione e un arresto per stalking a una coppia di parenti

LECCE – Diversi sono stati gli interventi dei carabinieri per vicende riguardanti ogni tipo di reato. A Lecce, i militari della stazione di Lecce Principale, hanno denunciato per evasione N.A., albanese 28enne, domiciliato a Lecce. Senza autorizzazione, infatti, si sarebbe allontanato arbitrariamente da casa, rendendosi irreperibile.

Sempre i carabinieri della stazione di Lecce Principale, hanno dato esecuzione a un’ordinanza emessa dalla prima sezione penale del tribunale di Lecce, ponendo agli arresti domiciliari, D.M.L., 46enne del posto, in sostituzione della misura cautelare del divieto di avvicinamento. Il provvedimento scaturisce da quanto avvenuto la mattina del 18 settembre scorso, a seguito di una denuncia presentata da due coniugi, rispettivamente sorella e cognato dell’uomo, in seguito a minacce, aggressioni verbali e pedinamenti subiti.

A Taurisano, invece, i carabinieri stazione locale e gli agenti di polizia del commissariato, sono intervenuti in piazza Fontana dove un 30enne, in preda a crisi isteriche, ha prima portato via una croce d’ottone dalla chiesa Madonna della Strada, poi ha danneggiato una fioriera di cemento all’esterno. Preso in consegna dagli operatori del 118, è stato poi trasportato presso l’ospedale “Ferrari” di Casarano. Sul caso procedono i militari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Salento in lutto per la perdita di Luigi Russo, protagonista di lotte per ambiente e diritti

Torna su
LeccePrima è in caricamento