Cronaca

Crisi Tac, Provincia sollecita le verifiche da Roma

Cassa integrazione in scadenza per i lavoratori e investimenti che scarseggiano sul territorio. Gabellone sollecita il consiglio di vigilanza, sulle risorse destinate dall'accordo di programma 2008

adelchi-striscioni_005[1]

LECCE - Morde la crisi del comparto tessile, manifatturiero e calzaturiero nel Salento, ovvero del Tac. Così come la grave situazione occupazionale degli operai Adelchi, la cui caduta libera verso la disoccupazione è stata tamponata solo dagli ammortizzatori sociali, non si è mai risolta.

Si è attivata, così, la Provincia di Lecce, per voce del presidente Antonio Gabellone, che ha inviato una comunicazione al ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, per richiedere la convocazione del collegio di vigilanza (così come previsto dall'accordo di programma), "allo scopo di assumere le necessarie determinazioni in relazione alla durata, alla verifica degli strumenti operativi da adottare e alla rimodulazione degli interventi previsti dall´accordo, formalizzandone le estensioni dei suoi effetti all´intera area di crisi salentina".

L'accordo, firmato tra il Governo nazionale e la Regione Puglia nell'aprile del 2008, prevedeva 40 milioni di euro per la riconversione dei lavoratori in cassa integrazione e il rilancio di un settore in forte depressione.

La relativa relazione tecnica sull'attuazione del programma, elaborata dal gruppo di coordinamento tecnico, è stata "condivisa e apprezzata da tutte le parti - scrive Gabellone - pur avendo riscontrato la presenza di significative difficoltà , da parte delle aziende, nell´accesso alle risorse disponibili e nell´attivazione degli investimenti".
"Per quanto di competenza, e per la possibile capacità di azione che può sviluppare l´ente Provincia, è stato avviato insieme a tutte le parti sociali un monitoraggio sulle criticità incontrate dalle aziende orientate agli investimenti - continua la missiva - attivando tutte le energie per contribuire a possibili iniziative di animazione, pur nella consapevolezza che le debolezze strutturali dell´economia territoriale, renderanno difficoltoso il perseguimento di tali obiettivi".

Proprio per valutare gli esiti emersi dalla relazione tecnica, il presidente sollecita un'immediata verifica, da parte del collegio di vigilanza, per massimizzare l´utilizzo delle risorse finanziarie disponibili, ma anche per far fronte alle prossime scadenze degli ammortizzatori sociali, le prime previste già a partire dal prossimo 31 dicembre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Tac, Provincia sollecita le verifiche da Roma

LeccePrima è in caricamento