In un capannone per prendersi cura dei cani. Crolla solaio e muore

La tragedia è avvenuta alle 17 di ieri, in una struttura di vaste dimensioni alla periferia di Foggia. Michele Patera, 38enne salentino, da tempo residente nel capoluogo dauno, è rimasto sotto le macerie per più di 10 ore e non ce l'ha fatta. Secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe recato nella struttura dar da mangiare agli animali abbandonati

Una delle immagini del crollo (Foto da FoggiaToday)

FOGGIA – E’ di Lecce la vittima del crollo di un solaio, avvenuto intorno alle 17 di ieri, a Foggia. Si tratta di Michele Patera, 38enne salentino, da anni trasferitosi nella capoluogo dauno, dove viveva assieme alla propria moglie e a due bambini. L’uomo è rimasto schiacciato dai calcinacci caduti all’interno di un capannone in disuso, alla periferia della città, al civico 128 di corso del Mezzogiorno. Secondo le prime ricostruzioni, il 38enne si trovava all’interno dell’edificio per lasciare del cibo a quattro cani che si erano “stabiliti” lì da tempo.

La struttura, che un tempo ospitava una concessionaria, si è sgretolata travolgendo il 38enne. Il suo corpo è stato estratto più di dieci ore dopo il verifcarsi della tragedia dai vigili del fuoco del comando provinciale, i quali hanno sperato fino alla fine di poterlo estrarre vivo dalle macerie. L’episodio, forse provocato dal cedimento di uno dei tiranti posti a sostegno delle volte a botte, ha, infatti, riguardato un’area di circa 600 metri quadrati e, data la vastità, non è stato facile per i caschi rossi effettuare l’attività di ricerca, dovendo anche scongiurare il rischio di ulteriori crolli e cedimenti. Assieme ai pompieri sono anche giunti gli agenti di polizia municipale, i carabinieri e i poliziotti della questura di Foggia.crollo-1-foto-d-agostino-11-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questi ultimi sono state affidate le indagini sull’accaduto. Gli investigatori hanno posto sotto sequestro una bombola di gpl, rinvenuta durante le prime verifiche, assieme ad altro materiale come una scala e alcuni arnesi, generalmente utilizzati per tagliare il materiale ferroso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento