Cruenta rapina in tabaccheria nel giorno dell'Immacolata: due condanne

Sono ritenuti responsabili del colpo messo a segno a Copertino l'8 dicembre 2015. Il proprietario fu colpito con il fucile

LECCE – Due condanne in abbreviato per i presunti responsabili di una tra le rapine più cruente degli ultimi anni. Si tratta del colpo messo a segno la sera dell’8 dicembre del 2015, ai danni della tabaccheria “Zizzari” a Copertino. Il gup Giovanni Gallo ha condannato a 8 anni Danilo De Matteis, 22enne, e a 10 anni Costica Brinzoi, 21enne di origini romene, nome noto alle cronache locali per diversi episodi. I due imputati sono accusati di rapina, lesioni e tentato omicidio.

BRINZOI COSTICA1-2-2-2DE MATTEIS DANILO1-2-2-2Quella sera i banditi fecero irruzione nell’attività commerciale. La timida reazione del titolare scatenò un inferno: l’uomo fu colpito con il calcio del fucile, così come un cliente presente al momento della rapina. I rapinatori fuggirono con circa 18mila euro, sparando anche dei colpi in direzione di un 37enne, che stava parcheggiando la propria auto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Brinzoi e De Mateis sono stati arrestati il 3 settembre scorso dai carabinieri di Copertino al termine di una peculiare indagine durata alcuni mesi. Fondamentali si sono rivelate le immagini delle telecamere di videosorveglianza e alcune testimonianze, e le impronte del 21enne sui pacchetti di sigarette. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Omicidio di Lecce. La criminologa: “Obiettivo dell’assassino entrambi i fidanzati”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento