Cronaca

Cumulo di pene, finisce in carcere uno dei condannati per "Baia Verde"

Fabio Negro, 43enne di Gallipoli, è stato trasportato a Borgo San Nicola dagli agenti di polizia del commissariato locale

GALLIPOLI – Finisce in carcere Fabio Negro, 43enne di Gallipoli. A trasportalo a Borgo San Nicola ci hanno pensato gli agenti di polizia del commissariato locale. Negro era già agli arresti domiciliari. Su di lui pendeva un ordine carcerazione dell’Ufficio di sorveglianza di Lecce per un cumulo di pene, fino al 2024.

Più di recente, Negro è entrato nelle cronache per l’operazione “Baia Verde” del Ros dei carabinieri, con il coordinamento della Dda, incentrato, fra l’altro, sulle infiltrazioni del clan Padovano nel settore turistico, con arresti eccellenti, fra cui quello di Angelo Padovano, figlio di Salvatore (alias “Nino Bomba”), l’ex boss fatto uccidere da un sicario assoldato dal fratello Rosario, che ora è all’ergastolo.

negro fabio 22.07.1975-2Nel 2014 furono quindi le ordinanze di custodia cautelare in carcere con le accuse di associazione mafiosa, spaccio di stupefacenti, estorsioni e truffa ai danno di enti pubblici. Negro nell’aprile dell’anno scorso è stato condannato per “Baia Verde” anche in appello a quattro anni e quattro mesi.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cumulo di pene, finisce in carcere uno dei condannati per "Baia Verde"

LeccePrima è in caricamento