Lavori nella cripta di Santo Stefano a Cursi, tre condanne in primo grado

Si è concluso con tre condanne a otto mesi di arresto e 11mila euro di multa il processo sui presunti illeciti commessi durante la realizzazione di un nuovo polo museale sull'arte basiliana e del restauro della cripta di Santo Stefano e San Giorgio a Cursi. La sentenza è stata emessa dal giudice Pasquale Sansonetti

LECCE – Si è concluso con tre condanne a otto mesi di arresto e 11mila euro di multa il processo sui presunti illeciti commessi durante la realizzazione di un nuovo polo museale sull’arte basiliana e del restauro della cripta di Santo Stefano e San Giorgio a Cursi. La sentenza è stata emessa dal giudice Pasquale Sansonetti. 

A giudizio sono finiti il progettista e direttore dei lavori Nello Sisinni; Luca Musarò, dipendente del comune di Cursi e responsabile del procedimento; e il responsabile legale della ditta che ha eseguito i lavori, Osvaldo Troso. A tutti è contestata la violazione del decreto legislativo numero 42 del 2004 (il cosiddetto codice dei beni culturali e del paesaggio).

Secondo l’ipotesi accusatoria gli imputati avrebbero rinvenuto, nel corso dei lavori, “un silos di età medievale e l’antico muro che occludeva l’antico ingresso posto sul lato orientale della cripta”. Di tale ritrovamento non sarebbe stata data comunicazione come prevista dalla legge (che prevede la denuncia entro ventiquattr’ore al soprintendente o al sindaco ovvero all’autorità  di  pubblica sicurezza), senza dunque provvede alla  conservazione  dei beni.

Inoltre, sempre secondo quanto contestato dall’accusa, avrebbero demolito (oppure modificato) e comunque effettuato modifiche nei luoghi dove si trova la cripta, i beni culturali rinvenuti. In particolare, “durante la creazione di un vano di accesso alla cripta, avrebbero demolito il silos di età medievale e l’antico muro, sostituendolo con un muro moderno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Luigi Corvaglia e Pasquale Corleto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento