Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Da 195 anni sul territorio: tanti auguri, Benemerita

S'è svolta di fronte al comando provinciale di via Lupiae la suggestiva celebrazione dell'anniversario della fondazione dei carabinieri. Consegnati diciotto encomi e stilato bilancio delle operazioni

Un momento della consegna dei riconoscimenti ai militari che si sono distinti in operazioni.

Sul territorio, a servizio dei cittadini e a garanzia della sicurezza da ben 195 anni. I carabinieri festeggiano in tutta Italia l'anniversario della loro fondazione. A Lecce la suggestiva cerimonia s'è svolta di fronte al comando provinciale di via Lupiae, a partire dalle 18, alla presenza delle massime autorità civili, militari e religiose. Numeroso il pubblico presente per assistere alla manifestazione, che ha visto schierato un battaglione di formazione su tre compagnie in rappresentanza delle varie componenti che operano in tutto il territorio del comando provinciale di Lecce. La prima compagnia era composta da militari che indossavano la tradizionale grande uniforme storica, la seconda inquadrava i comandanti di stazione con sciabola e decorazioni, la terza vedeva invece i militari di rappresentanza, che comprendono le specialità dell'Arma tra cui i militari delle unità radiomobili, elicotteristi, militari del servizio navale e subacquei, artificieri e carabinieri di quartiere.

Tra le specialità presenti nello schieramento dei reparti dell'Arma, da rilevare il nucleo radiomobile, ritenuto l'interfaccia per definizione del cittadino con l'istituzione, con un modello Alfa 159, auto in dotazione alle pattuglie e che, nella nuova versione, ha due caratteristiche fondamentali: il navigatore satellitare e il sistema "Falco", per il riconoscimento delle targhe. E fra le tante novità, anche i robot teleguidati, strumenti utilizzati nell'antisabotaggio che servono per disinnescare ordigni esplosivi e involucri sospetti. I nuovi, hanno caratteristiche tali da consentire di inviarli anche nelle carlinghe degli aerei.

Sempre nello schieramento, anche i gonfaloni della Provincia e del Comune di Lecce, i rappresentanti dell'Associazione nazionale carabinieri, i Labari ed i Medaglieri delle Associazioni combattentistiche e d'Arma. La manifestazione non ha, però, soltanto commemorato i 195 anni dei carabinieri, ma è stata anche un'occasione per stilare un bilancio dei risultati conseguiti e di quelli ancora da raggiungere, con un discorso affidato al comandante provinciale Filippo Calisti e che ha fatto seguito al tradizionale conferimento degli encomi per i militari che si sono distinti nel corso del servizio: 18 le ricompense consegnate da parte dei rappresentanti più autorevoli delle istituzioni.

Sul piano delle attività, nel corso del 2008, gli oltre mille carabinieri salentini hanno segnalato all'autorità giudiziaria oltre 7mila 967 persone ed effettuato 779 arresti. Nell'azione specifica di contrasto alla criminalità organizzata, 116 sono state le persone arrestate, 124 quelle denunciate per associazione mafiosa e circa 7 milioni di euro sono stati i patrimoni illeciti sequestrati. Sequestrate 164 armi, 44mila e 988 grammi di sostanza stupefacente ed elevate 19mila e 903 contravvenzioni al codice della strada, di cui 632 infrazioni per guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti; ritirate 2mila 694 patenti e documenti di circolazione e sequestrati 1521 mezzi.

Rilevanti, inoltre, gli interventi portati a termine nel 2008 dalle varie componenti specialistiche: i carabinieri del Noe, a fronte di oltre 146 ispezioni, hanno accertato 154 violazioni, arrestate 12 persone e denunciate 142, effettuando 58 sequestri per un valore totale 204 milioni di euro. I militari del Nas, su 398 ispezioni effettuate, hanno accertato 231 violazioni, denunciando 112 persone; i carabinieri dell' ispettorato del lavoro, con 703 ispezioni, hanno accertato 619 illeciti amministrativi sanzionando un importo totale di 600mila euro ed individuato 494 lavoratori irregolari e 187 lavoratori totalmente "in nero".

Fra le azioni di spicco, da annoverare: l'operazione "Tandem" del nucleo investigativo di Lecce (un arresto e 6 chili di cocaina rinvenuti) del 1° ottobre 2008; l'operazione "No stop" (19 arresti per associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di stupefacenti) della compagnia di Tricase, datata 18 novembre 2008; l'operazione "Centauro" (8 arresti per associazione per delinquere finalizzata a traffico illecito, detenzione e spaccio di stupefacenti, con 297 grammi di cocaina, 75 cartucce di vario calibro ed una bomba a spoletta sequestrati) messa a segno dai militari di Casarano il 21 gennaio scorso; l'operazione "War games" (18 arresti per associazione per delinquere, rapina e lesioni aggravate, porto e detenzione di armi, ricettazione e furto aggravato, con il sequestro di tre pistole, una mitragliatrice uzi, un fucile da caccia e tre fucili a pompa, 1100 cartucce per fucile e pistola, un giubbotto antiproiettile, e 23 autovetture provento di furto) che porta la firma dei militari di Campi Salentina (20 febbraio 2009); l'operazione "Luna piena" (nove arresti e quattro denunce in stato libertà, per produzione e traffico illecito di stupefacenti e associazione armata finalizzata al traffico illecito di stupefacenti: sequestrati 327 grammi di cocaina, 9.18 chili di hashish, 1.136 munizioni di arma comune e da guerra) dei carabinieri di Maglie (16 marzo 2009); l'operazione "Cold fish" (otto arresti e 16 denunce in stato libertà per associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di stupefacenti, con il sequestro di 2,2 chili di hashish, 160 grammi marijuana, un fucile mitragliatore kalashnikov e munizionamento) dei militari di Gallipoli (17 marzo 2009); l'operazione "Bunker" (cinque arresti in flagranza di reato per coltivazione e detenzione ai fini di stupefacenti ai fini di spaccio, con il sequestro di 200 grammi cocaina, cinque panetti di hashish, 20 piante di marijuana, materiale per la coltivazione intensiva e il confezionamento della droga) condotta dal nucleo investigativo di Lecce e terminata il 10 maggio scorso.

Sul piano preventivo sono state eseguite oltre 51mila 751 pattuglie e perlustrazioni che, con l'impiego di circa 105mila e 819 militari, hanno consentito di identificare e controllare più di 496mila e 598 autovetture e soggetti. Rilievo va attribuito al servizio di prossimità, nell'ambito del quale l'azione di ogni carabiniere di quartiere è stata rivolta, oltre che alla repressione degli illeciti, anche alla rassicurazione sociale, concretizzando quotidianamente il senso di vicinanza alla popolazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da 195 anni sul territorio: tanti auguri, Benemerita

LeccePrima è in caricamento