menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tribunale per i minorenni, a Lecce

Il tribunale per i minorenni, a Lecce

Dall’autolesionismo all’inno allo stupro sui social, le tendenze tra i minorenni

Nella relazione dell’anno giudiziario, si considerano alcuni preoccupanti fenomeni: quello del “Ciukinismo” consiste nel postare foto di ragazze inconsapevoli su profili creati ad hoc e inneggiare alla violenza sessuale, all’uccisione e all’odio razziale

LECCE - Aumenta l’uso di droghe tra i più giovani e resta stabile, soprattutto tra gli studenti delle scuole medie, la tendenza a compiere gesti di autolesionismo per rimarcare, in particolare attraverso tagli sul corpo, la propria appartenenza a un gruppo. Ma non finisce qui.

In provincia di Lecce, negli scorsi mesi, si è verificato anche un episodio di “Ciukinismo”, un fenomeno che consiste nel postare foto di ragazze inconsapevoli su profili creati ad hoc e inneggiare allo stupro, alla uccisione e all’odio razziale.

I responsabili hanno meno di 18 anni e sono stati individuati in seguito alle meticolose indagini svolte dalla Procura per i minorenni con il compartimento della polizia postale e al contributo offerto dalle vittime che avrebbero tra i 12 e i 16 anni.

Foto e nomi delle malcapitate erano state rinvenute su alcuni gruppi "Telegram" con commenti e minacce esplicite del tipo: "Ti brucerò con l'acido appena finisce la quarantena", "se una ragazza è pari ad un uomo, può essere picchiata" o ancora "sei una donna ed è per questo che meriti di essere picchiata".

Oltre a questo preoccupante fenomeno, nell’analisi fatta dal procuratore Simona Filoni contenuta nella relazione di fine anno, nel periodo da fine febbraio a fine giugno del 2020 segnato dalla grave emergenza epidemiologica, c’è anche quello dell’aumento delle violenze tra le mura domestiche ai danni di minori o alla loro presenza.

Si sono registrati, inoltre, una crescita anche dei delitti di resistenza a pubblico ufficiale, di detenzione di armi bianche e di spaccio di sostanze stupefacenti, e un netto calo di quelli predatori, in particolare di furti generici e nelle abitazioni.

Stabile, sempre in relazione ai mesi di chiusura, il trend dei procedimenti per pornografia minorile, di diffusione illecita di immagini a contenuto sessuale esplicito e di quelli di istigazione alla commissione di crimini violenti o di atti di autolesionismo.

Particolare preoccupazione desta la sempre maggiore frequenza e precocità con cui i ragazzi, spesso già nella fase della preadolescenza, inizino a fare uso di droghe leggere.

“In molti casi le situazioni di tossicodipendenza sono emerse dai controlli tossicologici previsti nella fase di attuazione dei progetti di messa alla prova; tali situazioni hanno reso particolarmente difficoltoso l’esito positivo dei percorsi, proprio perché si è trattato spesso d’intervenire con profonde e lunghe attività di sostegno psicologico in favore di minori già da tempo facenti uso di droghe e, in diverse occasioni, senza che i genitori fornissero collaborazione o mostrassero adeguata sensibilità verso tali problematiche”, ha osservato il presidente della Corte d’Appello Lanfranco Vetrone nella relazione per l’inaugurazione dell'anno giudiziario.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento