Cronaca Galatone

Dal collegamento abusivo ai cavi a chili, l'energia elettrica va a ruba

Due denunce per furto e ricettazione a Galatone. Nel primo caso, un agricoltore prendeva l'energia da un pilone per il suo pozzo

Foto di repertorio.

GALATONE – Dal furto di energia alla ricettazione di cavi, il filo conduttore è l’elettricità. Che fa gola evidentemente in tutte le forme. Come nel caso di L.A., agricoltore di Galatina, che questa mattina è stata denunciato dai carabinieri della stazione di Galatone.

L’uomo, 40enne, ha visto i militari arrivare con il personale dell’Enel. Già, perché nel terreno che ha in locazione, in contrada Mongetti, nelle campagne galatonesi, avrebbe creato un allaccio direttamente al pilone della linea elettrica. L’energia, stando a quanto appurato, serviva per alimentare la pompa sommersa di un pozzo artesiano.  Il danno totale arrecato è da quantificare con precisione. Ma nel frattempo l’uomo è stato iscritto nel registro degli indagati.

Poche ore prima, gli stessi carabinieri di Galatone, avevano già denunciati D.D.G., 24enne del posto, perché trovato in possesso, senza che ne sapesse giustificarne i motivo, di circa 15 chilogrammi di cavo elettrico sguainato, spesso 1 centimetro e mezzo, e 40 metri circa di cavo elettrico completo, nero, spesso circa un centimetro. Si tratta di materiale probabilmente provento di furto, che è stato sequestrato. E per il giovane è scattata la denuncia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal collegamento abusivo ai cavi a chili, l'energia elettrica va a ruba

LeccePrima è in caricamento