Dalla pistola puntata contro un uomo alla scoperta di munizioni e droga: inflitti sei anni

E’ arrivata la sentenza nel processo abbreviato discusso nei riguardi di Cosimo Vessio, 32enne residente a Tricase, per l’episodio avvenuto il 13 gennaio scorso

TRICASE - Da lui i carabinieri si presentarono dopo essere venuti a conoscenza del fatto che avesse puntato in pieno giorno una pistola alla fronte di un uomo. Ma durante le perquisizioni eseguite nei riguardi di Cosimo Vessio, il 32enne residente da tempo a Tricase, personaggio noto nelle aule di giustizia, non spuntarono solo munizioni, ma anche chili di droga. vessio-cosimo-4-2-2

La scoperta si concluse con l’arresto, il 13 gennaio scorso, a cui è seguita nei giorni scorsi la condanna. E’ di sei anni di reclusione, oltre al pagamento di una multa di 23mila euro, la pena che gli è stata inflitta dal giudice Sergio Mario Tosi nel processo discusso in abbreviato che l’ha riconosciuto responsabile di tutti i reati che gli venivano contestati, non solo quelli legati alle armi e agli stupefacenti, ma anche per l’episodio delle intimidazioni da cui tutto è partito. In particolare, secondo l’accusa, un concittadino dopo aver appreso da alcuni clienti di un circolo che Vessio andasse in giro armato, li aveva invitati a denunciare, per questo si sarebbe ritrovato un’arma puntata contro.

Ed è proprio nel cercare l’arma, i militari raggiunsero l’area boschiva, in località “Palane”, nei pressi dell’abitazione che il 32enne avrebbe continuato a utilizzare come nascondiglio nonostante si fosse trasferito da qualche giorno in un’altra casa in centro. In particolare, sotto a un muretto a secco, spuntarono un involucro di cellophane con 11 bossoli calibro 357 magnum, già esplosi, una busta di plastica chiusa con del nastro isolante con 750 grammi circa di cocaina e un involucro con un chilo e mezzo di hashish; nelle vicinanze, in un secchio di plastica bianco c’erano altri 4 involucri, in ognuno dei quali erano custoditi 50 grammi sempre di cocaina; un barattolo con 11 dosi di hashish, per un peso complessivo di 100 grammi circa; un altro barattolo con 4 involucri dove c’erano 15 dosi di cocaina cadauno, per un totale di 60 dosi, 7 proiettili calibro 7,65 e un bilancino di precisione.

L’imputato era difeso dall’avvocato Mario Coppola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento