Cronaca Via Matteo Calò, 32

Danneggiata la sede del PdCi. Il segretario cittadino: “Matrice politica”

L'episodio risalirebbe al primo pomeriggio di sabato, ma i danni sono stati scorti nelle ore successive. Oltre ai vetri rotti, sono stati manomessi gli infissi dell'ingresso della sezione "Mario Foscarini" di Gallipoli. Indagano gli agenti di polizia

La sede del partito, a Gallipoli

GALLIPOLI – Deve essere stato con un sonoro calcio che i malviventi  hanno sfondato la vecchia porta della sezione del Partito dei comunisti “Mario Foscarini”, al civico 32 di via Calò. E’ accaduto nel pomeriggio di ieri, forse nelle prime ore del pomeriggio. I danni, invece, sono stati scorti nelle ore successive. Sono stati mandati in frantumi i vetri dell’ingresso e danneggiati gli infissi.

L’accaduto è stato segnalato agli agenti di polizia del commissariato locale, diretto dal vicequestore aggiunto Emilio Pellerano. Da un primo sopralluogo, anche fotografico, eseguito sul posto, risulterebbero alcune videocamere di sorveglianza, installate in zona che potrebbero fornire elementi determinanti per individuare i responsabili dell’episodio.

Il segretario cittadino, Romano Fiammata, è convinto che non si tratti di una bravata ma che a spingere verso un gesto simile siano state motivazioni di natura politica che nulla hanno a che vedere con le intenzioni vandaliche. “Dato l'insistere degli assalti ricevuti ed anche dell’ostile persistenza che si percepisce nei nostri confronti, pensiamo che ciò sia dovuto alla nostra limpida, libera e leale lotta politica di denuncia dei troppi problemi colpevolmente insoluti che affliggono da decenni la città”, ha dichiarato.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danneggiata la sede del PdCi. Il segretario cittadino: “Matrice politica”

LeccePrima è in caricamento