menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il serbatoio danneggiato.

Il serbatoio danneggiato.

Auto danneggiata dal gasolio, persi giorni lavorativi: risarcimento di 5mila euro

Accordato a un salentino il riconoscimento del danno alle parti meccaniche ma anche il mancato guadagno per non aver potuto raggiungere la sede di lavoro

LECCE – Un risarcimento di quasi 5mila euro è stato riconosciuto da Eni al proprietario di una Bmw X3 che il 2 gennaio scorso aveva subito danni notevoli dopo il rifornimento di gasolio, per un importo di 50 euro pagato in contanti, effettuato in un impianto alle porte di Lecce.

Il malcapitato, poco dopo la sosta, fu costretto a rivolgersi al soccorso stradale e poi a una officina specializzata dove è stato accertato il nesso tra la qualità del carburante e le conseguenze sulla vettura, in particolare sull’impianto di alimentazione. Nei primi giorni del 2018 sono stati numerosi i casi analoghi in provincia di Lecce e non solo.

Grazie all’intervento dell’avvocato Luca Maggio, di Miggiano, è stato riconosciuto al proprietario dell’auto, oltre al danno alle parti meccaniche per poco più di 4mila euro, anche il risarcimento di 800 euro per i cinque giorni lavorativi persi a causa dell’indisponibilità del mezzo: l’uomo, che è domiciliato in Lombardia, si occupa di assistenza tecnica presso la base dell’aeronautica militare di Cameri, in provincia di Novara, a circa mille chilometri di distanza dal luogo in cui si è verificato l’inconveniente.

Il legale si è rivolto alla società Carburanti 3.0 srl, proprietaria dell'impianto di carburanti, per una procedura di negoziazione assistita al termine della quale la compagnia petrolifera Eni ha accolto integralmente la richiesta, supportata da tutta la documentazione necessaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento