rotate-mobile
Le indagini proseguono / Galatina

Disordini al termine della partita con il Grottaglie: Daspo per tre ultras galatinesi

I provvedimenti sono stati emessi dal questore in relazione alla gara disputata l'8 ottobre, alla quale erano presenti anche una sessantina di tifosi della squadra tarantina. Dopo il fischio finale gli agenti di polizia riuscirono a evitare il contatto tra le opposte fazioni

GALATINA – Sono tre, almeno al momento, i divieti di accesso alle manifestazioni sportive (Daspo), della durata di quattro e cinque anni, emessi dal questore di Lecce nei confronti di ultras del Galatina, ritenuti responsabili dei disordini avvenuti in occasione della gara contro il Grottaglie dell’8 ottobre, disputata al campo sportivo fi Galatone.

Ad assistere alla partita, valevole per il girone B del campionato di Promozione, vi erano circa 650 tifosi ospiti, di cui una sessantina provenienti dal comune tarantino. Se già durante lo svolgimento del match i supporters del Galatina hanno fatto esplodere diversi petardi, con uno spettatore rimasto pure lievemente ferito, è al termine della gara che si è arrivati a un passo dallo scontro tra opposte fazioni.

L’intervento degli agenti di polizia ha evitato che gli ultras galatinesi, armati di cinghie e bastoni e a volto coperto, arrivassero a contatto con i tifosi del Grottaglie. Le indagini sono iniziate subito con la visione delle immagini girate durante la partita e dopo la sua conclusione: dopo aver identificato tre dei soggetti coinvolti nei disordini, sono state fatte le perquisizioni presso le loro abitazioni con il sequestro di materiale utilizzato per nascondere il volto e di aste di bandiere utilizzate nel tentativo di assalto.

Il commissariato di Galatina è impegnato in ulteriori accertamenti per individuare gli altri responsabili dell’accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disordini al termine della partita con il Grottaglie: Daspo per tre ultras galatinesi

LeccePrima è in caricamento