Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Decibel selvaggi nella notte. A rischio il parco di Punta Pizzo

Durante le escursioni notturne rilevata musica assordante e animali selvatici in fuga. La denuncia di Legambiente che scrive al sindaco per gli sforamenti nella zona de "li Foggi". Problemi anche per rifiuti abbandonati in pineta

Maurizio Manna di Legambiente.

 

GALLIPOLI - Una vera e propria “bomba” acustica a ridosso del parco naturale di Punta Pizzo. E la quiete e l’inquinamento ambientale è bello e servito. Soprattutto nelle ore notturne. Con grave rischio e danno all’ecosistema protetto e per la fauna selvatica. Fioccano nuove e preoccupanti segnalazioni di turisti e ambientalisti. E lo rileva e lo denuncia con un esposto riversato anche all’attenzione del Comune  e del sindaco Francesco Errico, il coordinatore di Legambiente, Maurizio Manna. Che prende spunto da una recente escursione notturna nell’area parco a guida dei venti giovani volontari del campo estivo del Cigno verde, per lamentare l’insostenibilità della situazione legata alla musica a palla e alle emissioni sonore di alcuni locali all’aperto che si affacciano nel parco naturale. I volontari e attivisti di Legambiente raccontano nel dettaglio quanto accaduto, visionato e udito nelle sere del 14 e 18 luglio scorso e che potrebbero costituire una pericolosa consuetudine per l’arco dell’intera stagione estiva.

Durante l’escursione guidata, intorno all’una di notte, nei pressi di una delle aree più suggestive e faunisticamente popolate del parco, in località li Foggi, i giovani esploratori sono stati letteralmente assaliti dalla musica assordante che proveniva da un locale ricreativo che insiste nella zona. Nel contempo nel loro cammino incrociavano una lepre e addirittura una volpe che correvano in direzione opposta, allontanandosi evidentemente dalla fonte rumorosa. “La squadra dei giovani esploratori notturni” racconta ancora Manna, “ha proseguito la passeggiata con l'intento di verificare l'impatto della bravata notturna su aree più distanti del Parco, riscontrando come il volume delle emissioni prodotte era tale che era possibile distinguere chiaramente le frasi pronunciate dall’animatore per un uditore posto in prossimità di località Masseria Nova, mentre la musica era chiaramente udibile, sia pure controvento, addirittura in prossimità di Torre del Pizzo. 

Da cui attorno alle quattro del mattino” conclude, “ci si è potuto addirittura godere lo spettacolo pirotecnico organizzato a chiusura della nottata dal locale, in barba alle più elementari norme di sicurezza ed a svariati regolamenti ed ordinanze”. Inutile descrivere lo stato igienico ed estetico dell'area attorno al locale e per centinaia di metri riscontrata dai giovani ecoturiti durante le azioni di pulizia e verifica ordinarie del mattino successivo. Della situazione è informata l’Autorità di gestione del parco retta dal sindaco Errico per i provvedimenti del caso. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decibel selvaggi nella notte. A rischio il parco di Punta Pizzo

LeccePrima è in caricamento