Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca Piazza Sant'Oronzo

Week-end di Pasqua: i turisti ci sono, i rifiuti nell'Anfiteatro Romano anche

Confermate le previsioni della vigilia: il centro storico di Lecce è stato preso d'assalto dai visitatori giunti in città. Ma oltre alle indiscutibili bellezze, l'occhio cade su bottiglie e buste lanciate da incivili tra le rovine di epoca romana

Turisti fotografano e osservano l'Anfiteatro.

LECCE - Con noncuranza per le previsioni del tempo, e con sollievo degli operatori del settore, i turisti sono arrivati e non sono pochi. Il centro storico, questa mattina era un brulicare continuo di comitive e gruppetti al seguito di guide o in formato "fai da te". Lecce si conferma meta privilegiata e il suo appeal continua a far proseliti. 

Ma in alcuni punti della città il decoro appare uno standard relativo, anche in punti che dovrebbero essere continuamente presidiati e difesi dall'incuria e dall'inciviltà: è il caso dell'Anfiteatro Romano, tra l'altro inaccessibile. Bottiglie, carte, buste e vegetazione spontanea si offrono alla vista di coloro i quali si affacciano per ammirare i resti della città che fu.  L'amministrazione comunale ha fatto sapere che al momento sono in corso trattative con la Soprintendenza per il rinnovo della convezione e dunque non è possibile per gli operatori comunali l'accesso al sito archeologico. Questione che, comunque, si spera di risolvere entro il mese di aprile. E la difficile convivenza tra residenti del centro storico e movida, che nei rifiutianfiteatro-3mesi invernali attenua i suoi tratti conflittuali per le condizioni meteo, potrebbe ripresentare i problemi di sempre: vicoli abbandonati a se stessi e lamentele continue.

Giova ricordare che Lecce, come Siena, Perugia, Cagliari e Ravenna, è attualmente, e per tutto il 2015, capitale italiana della cultura. Il riconoscimento è stato accordato dal ministero dei Beni Culturali e del Turismo a tutte le candidate finaliste nella corsa per diventare capitale europea della cultura nel 2019, titolo poi toccato a Matera. Al momento non c'è stata ancora una sola iniziativa di tipo culturale collegata allo status. Solo di recente il governo ha riconosciuto lo stanziamento di circa un milione di euro per ciascuna città e la programmazione è partita con molto ritardo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Week-end di Pasqua: i turisti ci sono, i rifiuti nell'Anfiteatro Romano anche

LeccePrima è in caricamento