menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri forestali sul posto.

I carabinieri forestali sul posto.

Abusivismo, due denunce. Uno disbosca persino macchia mediterranea per costruire

Interventi edili notevoli su due aree sottoposte a vincolo paesaggistico: sono stati scoperti a Torre Pali e Melendugno

TORRE PALI (Salve) – Due denunce, nelle ultime ore, per reati ambientali. Il primo controllo è scattato a Torre Pali, la marina di Salve, da parte dei carabinieri forestali di Tricase. Un uomo, proprietario di un terreno, avrebbe realizzato delle opere dopo aver distrutto una porzione boschiva. Si tratta di un’area sulla quale è presente macchia mediterranea, per 10mila e 360 metri quadrati. Data la vasta estensione del terreno, l’area è di fatto equiparata a un bosco e sottoposta a vincolo paesaggistico.

All’indagato sono stati contestati il disboscamento tramite l'estirpazione di essenze arboree, la realizzazione di un parcheggio per automezzi e deposito e la costruzione di un manufatto e di recinzioni in pietra. E non solo. È stato infatti accusato anche di aver realizzato degli spiazzi per circa mille e 400 metri quadrati e di strade per ulteriori 90 metri lineari. Una serie di interventi anche di notevole impatto paesaggistico, ma senza alcuna autorizzazione, né permesso a costruire.

I militari di Otranto, invece, sono intervenuti a Melendugno, in località “Ruggiano”, dove hanno deferito un secondo cittadino. Quest’ultimo è stato accusato di aver realizzato una strada di ingresso al terreno di proprietà, delle dimensioni di circa 380 metri quadri. Anche in questo caso, la zona è sottoposta a vincolo paesaggistico, in totale assenza dei necessari titoli abilitativi ed autorizzazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento