Uno dice di tornare dalla mensa Caritas, l’altro si reca “al lavoro” alle 3 della notte: trovati con droga

Nei guai, nelle ultime ore, un 26enne tunisino e un 24enne leccese: entrambi erano usciti dalle rispettive abitazioni per acquistare della marijuana

Foto di repertorio.

LECCE – Normali controlli “anti Covid” a chi è fuori dalla propria abitazione: ma due giovani vengono trovati in possesso di droga. Gli agenti della sezione volanti, nella tarda mattinata di ieri, hanno denunciato in stato di libertà due ragazzi. Tutto è cominciato intorno a mezzogiorno in viale Giovanni Paolo II, quando la polizia ha sottoposto a verifica un 26enne tunisino, noto alle forze dell’ordine: per lui vigeva l’obbligo di presentarrsi presso gli uffici di polizia giudiziaria.

In un primo momento ha riferito di rientrare dalla stazione ferroviaria, poi ha cambiato versione: “Ho pranzato alla mensa della Caritas diocesana”. Gli agenti, insospettiti, lo hanno invitato a svuotare le tasche: da lì è spuntato un involucro in cellophane contenente 2,24 grammi di marijuana. Il 26enne ha riferito di averla comprata per uso personale. Ha dichiarato anche di aver comprato la droga nelle vicinanze della stazione ma, non rinetrando l’acquisto di “erba” nelle motivazioni per uscire di casa, si è beccato la denuncia. E non è tutto. A finire nei guai anche un altro cittadini, un leccese di 24 anni.

La scorsa notte, intorno alle 3, la polizia stava percorrendo viale della Libertà. Ha notato un giovane, per strada, a piedi. Non ha dato in un primo momento giustificazioni circa la sua presenza fuori dall’abitazione. Elemento che ulteriormente insospettito i poliziotti. Poi ha riferito di essere diretto al lavoro, senza essere più preciso. Ha infine dichiarato di voler raggiungere il mercato della Mediazione. Racconti con cambi repentini di versione che hanno destato ancora più sospetti. A quel punto, visto il nervosismo del 24enne, gli agenti della questura hanno proceduto con una perquisizione: nella tasca della giacca, sostanza stupefacente imballate e termosaldata  e uno spinello, per un totale di sei grammi di marijuana. Per il ragazzo, vista la quantità irrisoria, è scattata la denuncia amministrativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento