Chiacchiere sulla panchina, a spasso in paese e in osteria a bere vino: tutti nei guai

Denunce a raffica nel Salento anche a seguito dei controlli eseguiti dalla polizia. Sospese due attività, nel centro di Lecce e a Taurisano

La polizia durante i controlli.

LECCE – Controlli in città e provincia anche da parte della polizia, per accertare il rispetto delle regole imposte dal decreto per il contenimento del Covid-19. La Divisione di polizia amministrativa e sociale della questura di Lecce, per cominciare, ha verificato il mancato rispetto dell’obbligo della sospensione dell’attività da parte di un esercente: ha denunciato sia il commesso, sia il titolare di un negozio di via Libertini, nel centro del capoluogo salentino. Il prefetto leccese ne ha disposto la sospensione per un mese.

Analoga sorte è toccata all’esercente di un’attività commerciale di Taurisano. Anche in questo caso è stata inoltrata segnalazione al prefetto per il provvedimento di chiusura. In provincia sono state sanzionate numerose persone per non aver rispettato le prescrizioni. Gli agenti del  commissariato di Gallipoli hanno denunciato un uomo che, da Matino aveva raggiunto il borgo ionico,  con una singolare: “Sono uscito per prendere una boccata d’aria, perché non ce la facevo più a stare a casa”.chiusura-3

Inoltre, sempre gli agenti della Città Bella, nella giornata di ieri, hanno deferito per furto due uomini, un 51enne e un 53enne del posto che, 48 ore prima, avevano rubato in un lido balneare di Rivabella portando via alcune componenti di arredo da giardino: due tavoli, grossi vasi ornamentali con impianto interno di illuminazione a led, del valore complessivo di circa mille euro. Grazie anche ai filmati delle videocamere presenti nei pressi dello stabilimento balneare, sono stati individuati gli autori del furto.

Nei guai anche alcuni cittadini fermati dai poliziotti del commissariato di Nardò: cinque in tutto. I primi tre fermati dopo un controllo nel pieno centro storico. Tutti anziani, sono stati sorpresi dagli agenti all’interno di un’osteria, mentre stavano consumando del vino. Uno degli “organizzatori” della cena, che aveva la disponibilità delle chiavi per eseguire le pulizie, ha invitato i suoi due conoscenti. Il tutto all’insaputa del titolare. Tutti denunciati. Ma non è tutto. Due ragazzi, più in periferia e nei pressi dell’area mercatale, stavano invece bevendo una birra sulla panchina. Deferiti anche loro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento