Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

Fingono di avere auto in panne per smerciare finti gioielli. In tre nei guai

Un gruppo composto da tre cittadini di nazionalità rumena, è stato fermato dai carabinieri di Bagnolo del Salento, sulla statale 16. Simulando un guasto alla propria Audi, hanno cercato di truffare i passanti, vendendo loro anelli in finto oro. Per loro sono scattate le denunce

Gli anelli recuperati dai carabinieri

BAGNOLO DEL SALENTO – Tre “signori degli anelli”, tutti di nazionalità rumena, sono stati denunciati nel pomeriggio di ieri dai carabinieri di Bagnolo del Salento. Il gruppo, fermato sulla strada statale 16, è accusato di tentata truffa e introduzione  commercio di prodotti con segni falsi. Si tratta di D.M.A. 38enne, G.A. 38enne, e D.C. di 45 anni.

A bordo di una Audi station wagon di colore nero, hanno simulato un guasto all'autovettura fermandosi a margine della carreggiata, e dopo aver atteso l'aiuto di passanti ignari del piano d’azione , tentavano, con artifizi e raggiri, di vendere alcuni anelli in oro, poi rivelatosi finto,  in cambio di denaro o altri beni mobili.

Ma qualcosa è andato storto. I tre, infatti, non avevano messo in conto la reazione di un 42enne di Maglie che, nel giro di alcuni secondi, si è rivolto ai carabinieri. I militari sono giunti sul luogo e hanno proceduto non solo al sequestro dei preziosi in possesso alla banda di malviventi, ma hanno proceduto a verificare la reale provenienza di quei 14 anelli. Si sono rivelati tutti falsi: i gioielli riportavano sì il marchio 750-18, ma non autentico. Il metallo dorato altro non era che una comunissima lega, priva di qualunque valore di mercato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fingono di avere auto in panne per smerciare finti gioielli. In tre nei guai

LeccePrima è in caricamento