Finte vendite di materiale elettrico, robot e assicurazione auto: 4 denunce

La polizia ha scoperto i responsabili di alcuni raggiri, messi a segno ai danni di quattro salentini. Le truffe erano online

Foto di repertorio.

LECCE – In quattro nei guai per truffa: avrebbero messo su un giro di finte vendite online, in cui sono incappati alcuni cittadini leccesi.  Negli ultimi giorni, infatti, sono stare concluse delle indagini da parte della Divisione anticrimine della questura: stanati quattro truffatori. In un caso la finta vendita ha riguardato del materiale elettrico acquistato su di un sito internet e pagato con bonifico bancario. Lo stesso materiale, però, nonostante ripetute assicurazioni via mail, non è mai stato inviato. Tutt’altro: il truffatore, dopo qualche settimana, non si è fatto più rintracciare chiudendo anche il sito internet utilizzato per la finta vendita.

Un secondo episodio ha riguardato una falsa assicurazione auto, venduta online “in promozione” e pagata con bonifico bancario che altro non era che la ricarica di una carta prepagata. L’acquirente, dopo aver trovato i contatti su un portale web e aver pagato in anticipo l’assicurazione, non ha mai ricevuto la documentazione relativa alla copertura assicurativa. L’autore della truffa è stato identificato nonostante avesse utilizzato dei documenti smarriti da un uomo risultato estraneo ai fatti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, due donne indagate in stato di libertà  per aver truffato, in concorso tra loro, due amiche salentine, spacciandosi una per promoter e l’altra per consulente di una nota azienda che produce robot da cucina. Le malcapitate, che pensavano di aver acquistato un macchinario da cucina a testa per un prezzo molto conveniente, non hanno mai ricevuto quanto acquistato dopo aver eseguito dei bonifici bancari. Anche in questo caso, erano ricariche per carte prepagate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento