Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Piattaforma in cemento nell’area sottoposta a vincolo. Guai per un fruttivendolo

Un uomo di Porto Cesareo è stato deferito in stato di libertà con l'accusa di abusivismo edilizio, per aver realizzato un manufatto senza alcuna concessione, e in una zona in cui non era consentito. I carabinieri del borgo ionico hanno apposto i sigilli alla struttura

La stazione dei carabinieri di Porto Cesareo

PORTO CESAREO – Si è “allargato", è il caso di dirlo. Ma il fruttivendolo che ha cercato di estendere illecitamente la superficie della sua attività, è finito nei guai. Un uomo di 65 anni, residente a Porto Cesareo, è stato  deferito in stato di libertà nel corso della giornata, perché accusato di abusivismo edilizio e di aver costruito in assenza di concessioni.

Il denunciato avrebbe, infatti, realizzato una piattaforma in cemento, in un’area sottoposta a vincolo paesaggistico del borgo ionico. E, peraltro, senza che l’Ufficio tecnico del comune cesarino gli avesse rilasciato il regolare permesso.

Il commerciante di prodotti ortofrutticoli avrebbe utilizzato quella struttura in cemento per apporvi il banco vendita della propria merce. Ma, nel corso della giornata, i carabinieri di Porto Cesareo e della compagnia di Campi Salentina,  hanno posto sotto sequestro il manufatto  in calcestruzzo e proseguito a segnalare il 65enne all’autorità giudiziaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piattaforma in cemento nell’area sottoposta a vincolo. Guai per un fruttivendolo

LeccePrima è in caricamento