Si ferma col giallo sul viale e partono calci e pugni. Tre denunce

Il conducente di una Citroen è stato insultato, in mattinata, mentre si trovava al semaforo di viale Japigia. Due fratelli leccesi, infatti, gli hanno lanciato insulti e minacce ed è scaturita la rissa. Gli agenti delle volanti li hanno deferiti tutti

Una volante sulla circonvallazione (Foto di repertorio)

LECCE - Si è fermato al semaforo giallo, senza sapere che di lì a poco sarebbe rimasto coinvolto in una rissa. L’episodio, intorno alle 9 di questa mattina, a un incrocio di viale Japigia, a Lecce. Un automobilista che viaggiava insieme al figlio diciassettenne a bordo di una Citroen, giunto all’altezza del semaforo, si è fermato per tempo.

Alle sue spalle, però è sopraggiunta una Smart con a bordo due fratelli di 48 e 46 anni , leccesi, che vedendolo fermo hanno iniziato a suonare e ad inveire sporgendosi dal finestrino. Ne è nato un acceso diverbio in seguito al quale tutti sono scesi dalle rispettive autovetture.

Hanno cominciato ad offendersi, a inveire, e poi sono passati alle mani. Un camionista, fermo lungo l’altra corsia, è intervenuto e ha fermato uno dei due fratelli, trascinandolo sul marciapiede. Nel frattempo, gli altri hanno approfittato per tirare calci e pugni alla macchina e uno di loro si era anche armato di una bottiglia di vetro.

Sopraggiunti gli agenti delle volanti, hanno proceduto  a denunciare i due fratelli, e il conducente della Citroen, un leccese  di 48 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento