Riga auto ma viene riconosciuto: si presenta in questura con gli stessi abiti

Un 46enne leccese è stato denunciato per danneggiamento: l’episodio, a Cavallino, a gennaio

Il vasto parcheggio del centro commeciale

CAVALLINO– Riga l’auto parcheggiata nel centro commerciale. Ma viene identificato e finisce nei guai.  Nel mese di gennaio, una donna ha presentato una querela per il danneggiamento della propria vettura, avvenuto presso l’ipermercato “Conad” di Cavallino, dove lavora.  E’ stata la stessa vittima del gesto a specificare che quell’area è coperta dal sistema di videosorveglianza. 

Sono state acquisite le immagini dalle quali si nota un individuo che, intorno alle ore 10,16 del giorno indicato in denuncia, dopo essere passato dietro il veicolo in questione, ha rigato lo sportello del lato guidatore e il parafango anteriore sinistro. Il malvivente è poi montato a bordo di un Suv di colore scuro, probabilmente di marca Hyundai. Sulla base di quanto denunciato e delle immagini acquisite, gli agenti della sezione volanti hanno avviato un’attività investigativa per risalire all’identità dell’uomo.

Si tratta di C.G., un 46enne leccese, riconosciuto grazie a quei fotogrammi e invitato a presentarsi in questura. Come se già non bastassero i diversi indizi a disposizione della polizia, il 46enne si è presentato negli uffici di viale Otranto con gli stessi abiti che indossava nel giorno del danneggiamento. Avvenuto, probabilmente, per questioni personali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento