menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il momento in cui sono stati gettati in mare.

Il momento in cui sono stati gettati in mare.

Pesca oltre 6 chili e mezzo di datteri di mare, scoperto dalla squadra nautica

Un vegliese 37enne, con precedenti specifici, sorpreso dalla polizia a ridosso dell'Area marina protetta, fra Sant'Isidoro e Porto Cesareo. Aveva martello e pinza. I frutti di mare schiacciati e gettati in mare, l'attrezzatura sottoposta a sequestro. L'uomo denunciato a piede libero

SANT’ISIDORO (Nardò) – Nonostante precedenti specifici, M.G., 37enne di Veglie, ci ha provato ancora una volta. Ed è stato nuovamente “pizzicato”. Il danno, però, ormai è fatto. Magra consolazione, il fatto che è pronta una denuncia penale. Il problema è noto: pescare datteri di mare, significa distruggere il costone roccioso. Significa prendere a martellate le creazioni di Madre Natura per ricavarne denaro dalla vendita illegale di frutti di mare assolutamente proibiti.

Il 37enne è stato fermato ieri dal personale della squadra nautica di Gallipoli della polizia, nel corso di controlli per la tutela delle risorse biologiche e per prevenire la pesca di frodo. Gli agenti hanno sorpreso il pescatore fra Porto Cesareo e Sant’Isidoro, marina che ricade nel demanio di Nardò. Si trovava proprio a ridosso della zona C dell’Area marina protetta. Aveva con sé più di 6 chili e mezzo di Lithopaga Lithopaga” (per la precisione, 6 chili e 676 grammi). I datteri di mare, appunto, come da tutti sono noti.

Il vegliese aveva con sé attrezzatura subacquea completa e un retino pieno di frutti d mare. Già soltanto trasportarli e detenerli configura un reato. Bombola da sub ed erogatore sono stati sequestrati, insieme con un martello, una pinza d’acciaio, il già citato retino e tutto il pescato che, su disposizione del magistrato di turno, è stato distrutto per schiacciamento (i poliziotti vi sono passati sopra con le ruote dell’auto di servizio) e poi gettato in mare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Tregua domenicale, 584 i casi positivi. Lopalco "sfiduciato" dalla Lega

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Ciak con Sergio Rubini a San Cesario di Lecce

  • Arredare

    Frigorifero, ecco come scegliere quello giusto

  • Cura della persona

    Soap brows, il nuovo trend per sopracciglia piene e folte

  • Alimentazione

    La cannella, una spezia dalle mille virtù

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento