Due ragazze sospette nei condomini: avevano arnesi da scasso, denunciate

Una 18enne e una 16enne, entrambe di origini moldave, sorprese in città: trovate con un orologio appena rubato

Foto di repertorio.

LECCE  - Giovani topi d’appartamento in trappola: la polizia è intervenuta in via Giuseppe Parini nel pomeriggio di ieri, dove era stata segnalata la presenza di due ragazze che, con un atteggiamento sospetto, stavano cercando di accedere ai condomini della zona. Un avolta giunti sul posto, gli agenti hanno notato il portone di una palazzina aperta e hanno eseguito un controllo. Sulla rampa delle scale hanno incrociato le due giovani donne segnalate: una ha 16 anni, l’altra appena maggiorenne.

Queste ultime non hanno fornito giustificazioni credibili sul motivo della loro presenza in quel luogo. La ragazza maggiorenne è risultata però con diversi precedenti penali per furto in abitazione ed è stata perquisita. Nei pantaloni una chiave inglese e due placche in plastica, solitamente utilizzate per forzare le serrature. Nelle tasche, inoltre, anche un cacciavite e, in un calzino, un orologio femminile col quadrante in zaffiro. Mentre polizia e ragazze fermate si stavano dirigendo verso la questura, è giunta alla sala operativa una chiamata di denuncia di un furto ai danni di un appartamento poco distante. Lì il colpo di scena: era stato asportato un orologio dello stesso marchio di quello trovato addosso alla giovane straniera.

Vista la mancata flagranza nel reato e constatato che nel condominio dove le due erano state fermate non risultava essere avvenuto nessun altro colpo, la ragazza più grande è stata denunciata per porto di oggetti atti allo scasso e ricettazione in concorso con minore. La più piccola, invece, indagata in stato di librtà per concorso.   Sono in corso ulteriori accertamenti da parte degli agenti in quanto le sue ragazze sono sospettate di essere autrici di altri furti, avvenuti nel centro cittadino nel periodo estivo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento