Cronaca

Abbellisce l’orto con oggetti ornamentali per 5mila euro. Ma sono tutti rubati

Un operaio 39enne di Poggiardo è stato denunciato dai carabinieri di Maglie per aver sottratto, nel corso degli ultimi giorni, vasi, piante e altra refurtiva dalle abitazione dell’hinterland. Sottoposto a una perquisizione, dovrà rispondere di ricettazione

I carabinieri con il materiale sequestrato

POGGIARDO  - Una serie di piccoli furti sono stati denunciati, nel corso degli ultimi giorni alla stazione dei carabinieri di Poggiardo e alle caserme dei comuni limitrofi. Colpi di piccola entità come vasi e piante ornamentali, oggetti in ceramica, giare in terra cotta, mobili, tappeti ed addirittura posate in acciaio, del valore di poco conto. I sospetti dei militari si sono concentrati subito su un 39enne del posto, C.L., operaio di professione, con alcuni precedenti specifici. Dopo alcuni servizi di osservazione e pedinamento, l’uomo è stato bloccato e sottoposto a una perquisizione personale e domiciliare nel pomeriggio di mercoledì.

La sorpresa non ha tardato ad arrivare: all’interno del cortile dell’abitazione dell’uomo, i carabinieri hanno rinvenuto un ingente quantitativo di piante, vasi ed oggetti identici a quelli asportati dalle abitazioni della zona nei giorni precedenti. L’operaio, infatti, si era creato un piccolo giardino botanico abbellito dagli oggetti in questione, tutti di provenienza furtiva. Tutto il materiale, per un valore stimato di circa 5mila euro, è stato sottoposto a sequestro penale al fine di consentire ai militari di stabilirne la reale provenienza.

Appena diffusa la notizia del ritrovamento degli oggetti è iniziata una vera e propria “processione” da parte dei proprietari delle varie abitazioni del posto verso la stazione di Poggiardo, che ha permesso il riconoscimento di quasi tutto il materiale sottoposto a sequestro e la restituzione ai malcapitati. C.L. ora dovrà rispondere del reato di ricettazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbellisce l’orto con oggetti ornamentali per 5mila euro. Ma sono tutti rubati

LeccePrima è in caricamento