Cronaca

Pesta il collega in strada tra l’indifferenza degli automobilisti. Identificato un 36enne

E'stato denunciato dalla squadra mobile brindisina il salentino ritenuto l'aggressore di un 50enne, nell'episodio avvenuto nella città adriatica una decina di giorni addietro. Ha colpito la vittima con calci e pugni ed è stato identificato grazie ai fotogrammi: nelle immagini si intravedono anche diversi passanti che non si fermano per prestare aiuto

La questura di Brindisi (BrindisiReport)

BRINDISI – L’atteggiamento colmo di indifferenza da parte dei passanti non è meno inquietante dell’aggressione stessa. E fa tremare i ricordi ancora troppo freschi del giovane africano pestato sulla spiaggia di Torre Chianca, tra i presenti che non muovono un dito. Un salentino è stato identificato e denunciato per un pestaggio ai danni di un collega, avvenuto lo scorso 18 luglio alla periferia di Brindisi. Intorno alle 6,20 di quel mattino, A.M., un 50enne della città adriatica è stato brutalmente picchiato da S.I., un 36enne di Trepuzzi, immortalato dai fotogrammi recuperati successivamente dagli agenti della squadra mobile, diretti dal vicequestore aggiunto  Alberto Somma.

L’episodio è avvenuto nei pressi del cimitero comunale, poco distante da via Porta Lecce, una delle principali arterie di passaggio. Le videocamere hanno immortalato non soltanto i calci e i pugni rivolti con cieca violenza al 50enne da parte del collega salentino, come la vittima dipendente di un’agenzia di sicurezza del luogo. Sarebbero proprio montati in ambito lavorativo i motivi del contrasto tra i due.

Stando ai primi riscontri, ancora in fase di accertamento da parte del personale della questura, il ferito avrebbe fatto presente ai propri datori alcune anomalie e comportamenti sospetti del 36enne sul posto di lavoro. E la collaborazione con gli inquirenti per l’identificazione dell’aggressore è giunta proprio dalla ditta specializzata nel settore della vigilanza. Il ferito è giunto in ospedale con diverse lesioni ed è stato dimesso con una prognosi di diversi giorni.

Gli uomini della sezione Antirapina di Brindisi, coordinati dall’ispettore Cosimo Pizza,  hanno potuto anche accertare come diversi automobilisti siano passati dal punto dell’aggressione senza fermarsi, né prestare aiuto. Nel filmato si intravede soltanto una donna che tenta di sbirciare che cosa sia accaduto, a pestaggio ormai concluso. Ulteriori indagini sono comunque in corso per chiarire con maggiore precisione i motivi che hanno spinto il 36enne trepuzzino a un gesto così intriso di rabbia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesta il collega in strada tra l’indifferenza degli automobilisti. Identificato un 36enne

LeccePrima è in caricamento