Denaro versato con ricarica, ma il blocco motore resta virtuale: denunciati in due

I carabinieri di Bagnolo del Salento sono risaliti a due uomini della provincia di Reggio Calabria: il pezzo era per una Vespa Special

Foto di archivio.

BAGNOLO DEL SALENTO – Non si tratta della stessa entità delle frodi informatiche riportate ieri, mercoledì, ma il fenomeno delle truffe on line continua a dilagare come dimostra la denuncia per truffa in concorso di due uomini residenti nella provincia di Reggio Calabria da parte dei carabinieri della stazione di Bagnolo del Salento.

I due calabresi, infatti, avevano ricevuto una ricarica Postepay di 200 euro senza inviare il blocco motore per Vespa Special 50 da loro pubblicizzato su Subito.it, piattaforma on line sulla quale era avvenuto il contatto tra l’interessato acquirente e i presunti venditori. Dopo le indagini da parte degli uomini dell'Arma, nei guai sono finiti un 39enne di Siderno, I.B. e un 34enne di Locri, P.L.: per loro deferimento a piede libero.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

  • Codacons: tariffe telefoniche in grave aumento

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Si allontana, attraversa la litoranea e raggiunge la scogliera: paura per un bimbo di 3 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento