menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il capanno abusivo nel quale erano appostati i cacciatori.

Il capanno abusivo nel quale erano appostati i cacciatori.

Cacciavano con richiami acustici ai confini del parco regionale: denunciati

L'intervento del gruppo carabinieri forestale risale a sabato. Due erano appostati in un capanno abusivo, un terzo si aggirava in zona paludosa

UGENTO – Cacciavano all’alba di sabato scorso ai confini del parco regionale utilizzando peraltro strumenti non consentiti. Per tre uomini – di 20, 52 e 34 – è scattata la denuncia a piede libero da parte del personale del nucleo investigativo del gruppo carabinieri forestale di Lecce in collaborazione con quello della stazioni di Tricase e Gallipoli.

I carabinieri sono intervenuti a seguito di una segnalazione trovando i primi due cacciatori appostati all’interno di un capanno abusivo ai bordi di uno specchio d’acqua: con loro avevano un richiamo acustico e funzionamento elettromagnetico e il faro montato su uno dei fucili. La terza persona è stata fermata in zona paludosa: nella successiva perquisizione della sua auto è stato trovato un altro richiamo acustico.

Fucili, munizioni e strumenti non consentiti sono stati sequestrati mentre nei confronti dei tre, denuncia a parte, saranno elevate sanzioni per mancato rispetto delle distanze dall’area protetta e per violazione degli orari di caccia.

UGENTO 1-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento