Dieci giorni dopo il colpo fallito riesce il furto di slot machine alla Total Erg

A Trepuzzi, nella notte, c'è stato anche un inseguimento dei vigilanti. Ad agire, secondo i carabinieri, è stata una banda diversa da quella che nella notte fra il 9 e il 10 settembre ha fallito l'assalto. I ladri, su furgone rubato, sono stati molto rapidi: scasso e furto in novanta secondi

TREPUZZI – Se non ci riesce una banda, ce la fa l’altra. Dipende molto dalle abilità dei singoli attori in gioco, più che dagli obiettivi.

In che senso, obiettivi? Nel senso che sembra ormai certa una cosa: vi sono in circolazione almeno due diverse bande (ma potrebbero essere pure di più), che puntano di volta in volta a un tipo di refurtiva diverso.

Ve n’è una che si concentra sulle sigarette e un’altra che predilige i soldi delle slot-machine. Accade così che, nel giro di pochi giorni, il malcapitato gestore di un’attività commerciale, in questo caso del bar annesso al distributore di carburanti Total Erg di Trepuzzi, lungo la via per Squinzano, rischi di subire due assalti.

Infatti, fallito quello nella notte fra il 9 e il 10 settembre, per opera di una banda che intendeva sottrarre stecche di “bionde” (lo suggerisce un dettaglio immortalato dalle videocamere: un corposo cestello imbracciato da uno dei malviventi) è invece riuscito poco prima dell’alba di oggi quello del secondo gruppo criminale, dedito alle slot-machine.

Ben due ne hanno portate via, con tutto il loro prezioso contenuto in monete (valore da quantificare nel dettaglio), dopo aver forzato la porta. Il tutto, in tempi talmente rapidi da far rabbrividire: un minuto e mezzo circa, non di più.  

Di certo, la notte è stata particolarmente movimentata, perché sembra che il furgone usato per avvicinarsi alla meta sia stato notato una prima volta intorno alle 3,30 del mattino da una pattuglia dell’istituto di vigilanza locale, “La vigile”. Si tratta di un Ford Transit, risultato rubato il giorno precedente a Novoli.

C’è stato un breve inseguimento che s’è protratto fin quando la banda è riuscita a dileguarsi. Le ricerche non hanno condotto più a nulla. Devono essersi nascosti bene.

Da qui a dire che fosse tutto finito, però, ce ne passa. Circa due ore dopo, infatti (erano ormai le 5,20), i malviventi sono tornati alla carica. Nello stesso posto. Ben determinati a portare a termine il piano, tant’è che, una volta giunti davanti al bar, in una novantina di secondi hanno forzato la porta e, nonostante l’allarme si fosse messo in funzione, sono riusciti a portare via a braccia le slot, caricandole sul furgone e dileguandosi. Sul posto, per i rilievi e le indagini, si sono recati i carabinieri della stazione, dipendenti dalla compagnia di Campi Salentina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono al vaglio i nastri delle videocamere di sorveglianza per cercare di risalire all’identità dei ladri, nonostante avessero (ovviamente) i volti coperti. E chissà se gli investigatori non abbiano già una pista da seguire.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento