Dieci nuovi defibrillatori per la "città bella", la soddisfazione del sindaco

Sono stati installati, nelle apposite teche collocate nei punti principali della città, i dieci Dae destinati alla città di Gallipoli

LECCE – Sono stati installati, nelle apposite teche collocate nei punti principali della città, i dieci defibrillatori destinati alla città di Gallipoli. Una promessa mantenuta da parte dell'amministrazione comunale e che ha dato seguito all'adesione del Comune di Gallipoli al progetto Pad (Public access defribrillation), promosso dall'Asl di Lecce. Il progetto che prevede che la dotazione delle attrezzature Dae, ovvero dei defibrillatori automatici esterni, nei punti nevralgici del territorio comunale, marine comprese. Ogni apparecchio installato, adatto per l'uso sia su bambini che su adulti, è stato mappato dal dipartimento di E.U. 118 e consente a ogni operatore sanitario di conoscere perfettamente la collocazione di ogni singolo apparecchio e di poterlo localizzare facilmente in caso di necessità. Le teche allarmate, sia con un lampeggiante visivo sia con un antifurto sonoro, sono dotate inoltre di un combinatore telefonico che in caso di apertura seleziona sei numeri di emergenza da contattare.

"Ringrazio la dottoressa Quarta - il commento del sindaco Minerva – per aver donato alla città i defibrillatori e tutti coloro che si sono fortemente impegnati affinché la città fosse provvista dei Dae: dalla commissione sanità a tutti i consiglieri comunali che hanno sostenuto e supportato il progetto fino ai privati che hanno contribuito alla realizzazione del progetto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Lo sforzo che vi è dietro ad ogni singola installazione è impensabile. Permettere di avere un'apparecchiatura disponibile 24h su 24h presuppone una serie di accorgimenti: dalla messa in sicurezza della teca, al collegamento telefonico fino alla manutenzione dei dispositivi Dae stessi. Uffici, collaboratori e Asl hanno accelerato i tempi e fatto sì che tutto fosse pronto per Natale. Ecco un altro regalo alla città, ma ancora una volta, confido nel buon senso di tutti e nell'uso responsabile dei dispositivi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • La collisione, la caduta e la barca che affonda. “Sentivo il risucchio dell’elica”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento