Cronaca

Difformità con Dia, sigilli all'impianto fotovoltaico

I militari di finanza e carabinieri hanno posto sotto sequestro un impianto risultato nell'esecuzione differente rispetto alla dichiarazione di inizio attività edilizia. La protesta degli operai

aut-13

CORIGLIANO D'OTRANTO - I militari della compagnia provinciale della guardia di finanza di Otranto ed i carabinieri della compagnia di Maglie hanno posto sotto sequestro un impianto fotovoltaico nelle campagne di Corigliano d'Otranto: durante i controlli il progetto è risultato completamente difforme alla Dia (denuncia di inizio attività edilizia), con gli uomini delle fiamme gialle e dell'arma, costretti a porre i sigilli all'impianto, già collegato all'Enel e funzionante da una settimana, riscontrando troppe incongruenze tra il progetto iniziale e i lavori in corso. Si tratta dell'atto conclusivo di indagini avviate già da qualche settimana, con un'acquisizione di documenti presso il Comune (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=27673 e https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=27687).

I militari hanno dovuto fare i conti, durante l'operazione, con qualche situazione piuttosto controversa: dapprima, la difficoltà a reperire le chiavi d'ingresso alla struttura, e poi l'improvvisa protesta inscenata dagli operai dell'azienda di Soleto che ha realizzato il progetto; la curiosità sta nel fatto che l'impianto stesso risulta essere stato già venduto ad una società, con sede a Bari, per la gestione, azienda di cui si sa che gli investitori sono spagnoli. Quindi, non si comprendono ancora le ragioni dell'improvviso sit-in di lavoratori di una ditta che non c'entrerebbe più nulla nella conduzione della struttura.


Il business del fotovoltaico continua a registrare una sensibile impennata specialmente nel Salento, e sta, dunque, impegnando in maniera assidua le forze dell'ordine, in quanto i controlli in materia ambientale si rendono necessariamente più serrati. A buon diritto, soprattutto se, come emerge da questa vicenda, dietro al mercato dell'energia pulita pugliese, piombino interessi che portano piuttosto lontano dalla realtà regionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Difformità con Dia, sigilli all'impianto fotovoltaico

LeccePrima è in caricamento