Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Scivolò in un dirupo sull’Appennino abruzzese. Dimesso dopo un mese il 25enne

Alessandro Merico, il giovane escursionista di Poggiardo rimasto gravemente ferito durante una caduta a fine giugno, è rientrato nel Salento. Era stato ricoverato per quasi trenta giorni nell'ospedale di Pescara, e tenuto in prognosi riservata a causa deli traumi riportati

L'ospedale di Pescara (Foto da Ilpescara.it)

PESCARA - E’ stato forte e ce l’ha fatta Alessandro Merico, lo sfortunato escursionista 25enne originario di Poggiardo che, domenica 30 giugno, precipitò in un dirupo, dopo essere scivolato da una delle vette più suggestive dell’Appennino abruzzese, nei pressi dell’Eremo di San Giovanni.

Fu messo in salvo dai vigili del fuoco dei distaccamenti di Alanno e Pescara, i quali intervennero con un elicottero assieme ai colleghi del Saf, la squadra specializzata nella gestione delle emergenze, dopo essere stati allertati dai due amici del ragazzo salentino, che stavano praticando trekking assieme a lui.

Rintracciato fra la zona di Caramanico Terme e Roccamorice, fu  accompagnato d’urgenza presso il nosocomio del capoluogo abruzzese, dove gli furono riscontrati diversi traumi piuttosto gravi, tra cui uno cranico-facciale, con fratture al setto nasale e alla mascella ed uno toracico. Nelle ultime ore, invece, è stato dimesso, e ha potuto fare rientro presso la casa dei suoi famigliari, nel Salento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scivolò in un dirupo sull’Appennino abruzzese. Dimesso dopo un mese il 25enne

LeccePrima è in caricamento