Cronaca

Una dinamo può salvare la vita dei ciclisti. Iniziativa per richiedenti asilo

Iniziativa di Arci all'interno di un programma di educazione stradale. Un "artigiano" delle due ruote si è offerto per il montaggio gratuito

LECCE – Può bastare poco per evitare il ripetersi di incidenti stradali che mietono vittime tra i ciclisti, travolti da auto in corsa. Spesso si verificano in condizioni di visibilità scarsa, come nella notte del 3 agosto, quando a perdere la vita sulla strada che collega Squinzano a Campi Salentina fu un uomo di 31 anni, originario della Guinea e ospite di un centro per migranti gestito da Arci.  

L’associazione ha quindi organizzato dei corsi per spiegare ai ragazzi che beneficiano dei programmi di accoglienza per richiedenti asilo come comportarsi in strada e ha acquistato coppie di dinamo per 90 biciclette in dotazione agli ospiti delle strutture di San Pietro Vernotico, Squinzano, Surbo, Trepuzzi e Lecce.

Per effettuare il montaggio si è offerto volontario Massimo Donno, de “Il mondo in bicicletta”: questa mattina nell’officina di via Costadura, a Lecce, ha installato le prime dinamo. Del resto fu proprio lui, “artigiano” delle due ruote e appassionato ciclista, a proporre l’iniziativa dopo il verificarsi dell’ennesimo incidente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una dinamo può salvare la vita dei ciclisti. Iniziativa per richiedenti asilo

LeccePrima è in caricamento