Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Macchine per risonanza magnetica, il direttore generale: “La prima pronta entro l’anno”

Il direttore generale della Asl, Valdo Mellone, risponde alla lettera con cui Federconsumatori aveva segnalato la mancata attivazione delle due apparecchiature, la cui gara si è conclusa da mesi:"Chieste integrazioni alla ditta per il nulla osta"

LECCE – Il direttore generale della Asl, Valdo Mellone, risponde a Federconsumatori sulla questione delle due apparecchiature per la risonanza magnetica, la cui gara è stata bandita e conclusa senza che abbia fatto seguiti l’installazione delle stesse. Il responsabile sanitario chiarisce, punto per punto, i passaggi della vicenda. La sua missiva è indirizzata, così come lo era quella dell'associazione dei consumatori, all'assessore regionale alla Salute, Donato Pentassuglia, e alla Procura della Repubblica.

“Nel maggio 2013 è stata bandita la gara che si è conclusa tra dicembre 2013 e gennaio 2014, con aggiudicazione definitiva e stipula del relativo contratto da parte dell’associazione temporanea di impres, Philips spa, capogruppo, e Protecno Impianti srl, mandante. A seguito di stipula, il contratto prevede, a carico della ditta la progettazione esecutiva e la successiva installazione delle macchine. L’Ati ha provveduto a redigere e trasmettere il progetto esecutivo nel febbraio 2014. La Asl ha verificato la documentazione ricevuta ed ha richiesto elaborati integrativi, indispensabili per il nulla-osta al progetto esecutivo propedeutico all’installazione”.

“Tali integrazioni sono state richieste con una prima nota del 16 aprile 2014 e successivi solleciti, l’ultimo datato 30 giugno 2014 con intimazione e diffida all’Ati di presentare quanto già richiesto entro 15 giorni. È evidente che trattandosi di ‘grandi macchine’, le procedure relative ai numerosi nulla-osta per l’installazione sono particolarmente complesse”.

“Per evitare ulteriori disagi ai pazienti, si è deciso di non sospendere le attività: l’erogazione delle prestazioni di risonanza magnetica avverrà senza soluzione di continuità e l’installazione delle nuove macchine sarà scandita in due step: entro settembre  è previsto l’avvio dei lavori di adeguamento per l’installazione della prima macchina presso il padiglione oncologico, che potrà essere attivata per la fine dell’anno in corso. Successivamente, avviata a regime l’attività di questa prima macchina, si procederà a disinstallare quella attualmente in uso presso la Neuroradiologia dell’ospedale ‘Vito Fazzi’ e alla sua sostituzione. Teniamo a precisare, pertanto, che nessuna macchina è già stata consegnata e che i fondi sono stati messi a disposizione con disciplinare della Regione Puglia, ma non è stato ancora speso nulla”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Macchine per risonanza magnetica, il direttore generale: “La prima pronta entro l’anno”

LeccePrima è in caricamento