Discarica di Parachianca, il Forum ambiente chiede l'intervento di Emiliano

Per l'associazione ambientalista la Regione deve esprimere la sua contrarietà, non concedendo le autorizzazioni necessarie

LECCE – Il Forum ambiente e salute Lecce intervien per dire no alla nuova discarica di rifiuti speciali in territorio di Lecce, contrada Parachianca, che sta provocando un enorme allarme nelle comunità del nord leccese, già espresso nell’incontro dei sindaci dell’area del 5 settembre scorso. La nuova discarica, sottolineano gli esponenti, subentra  allo sventato pericolo di raddoppio della megadiscarica di Cavallino, gestita da uno dei proponenti  di quest’ultimo  progetto;  e si affianca a  quello di un nuovo impianto di compostaggio  nel sito di Cavallino.

“Il progetto di Parachianca – si legge in una nota del Forum – rappresenta l’ultimo  step di un persistente  processo nefasto di smaltimento in discarica  di quote rilevanti di rifiuti speciali: in quanto tali  il loro riciclo produttivo  si presenta  ancor più  necessario e agevole. Inoltre come struttura privata si contrappone alla logica della nuova normativa della Regione che prevede  impianti di smaltimento dei rifiuti in mano pubblica:  strategia  per ridurre le criticità e il malaffare e tutti gli interessi  privatistici  che   allignano soprattutto  nella fase dello smaltimento”.

Gli ambientalisti evidenziano le particolari criticità dell’impianto: “La localizzazione distante 2 o 3 chilometri dai paesi più vicini; il mix enorme di tipologia di rifiuti da smaltire (dal Cdr a ceneri da combustione, a rifiuti sanitari, a rifiuti da impianti di trattamento rifiuti, fanghi, macchinari e veicoli obsoleti, e altro) che collimano e si sovrappongono alla tipologia di  rifiuti speciali pericolosi; il rischio inquinamento della falda; le emissioni nocive dalla combustione del biogas prodotto”.

La nuova discarica si affiancherebbe all’impianto  Biosud di combustione da diversi anni  in attività a pochi chilometri a nord di Lecce, i cui fumi soprattutto incidono pesantemente  sulla qualità dell’aria e sulla salute, compromesse già da quelli di Cerano e del petrolchimico.

“Noi confidiamo  - spiegano – in una coerente e  determinata  contestazione (da  produrre in ogni fase del procedimento   autorizzativo o  e in ogni sede)  da parte degli enti  direttamente e indirettamente coinvolti e  di tutte le associazioni impegnate  nella tutela del territorio e della salute.  Ciò può e deve trovare un doveroso sostegno in una presa di posizione pubblica, immediata, netta, chiara, da parte  anche  del presidente Emiliano,  sull’insostenibilità di tale progetto rispetto alla nuova strategia  per lo smaltimento dei rifiuti che la Regione intende  praticare, e che noi auspichiamo si riconduca al principio “rifiuti zero” in  discarica e da incenerire, grazie al recupero e al riciclaggio  finora assai precari:  principio  che in altre regioni  è   un percorso virtuoso da tempo  e con successo perseguito”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo il Forum “la Regione deve esprimere la sua contrarietà, non concedendo le autorizzazioni necessarie per svincolare il sito della discarica dalla destinazione attuale a cava estrattiva. Le cave prevedono, alla fine della loro coltivazione, progetti di recupero ambientale che andrebbero rispettati e non derogati a favore di discariche, che finora hanno ospitato enormi quantità di rifiuti anche speciali e pericolosi oltretutto provenienti anche da altre regioni italiane”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

  • Dall’epidemiologo “supposte di realismo”: al Sud a rischio il 99 per cento dei cittadini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento