Fermati dentro la discoteca per spaccio, ritornano tutti e tre in libertà

Rigettata la misura cautelare per il giovane di Tricase e i due romani bloccati sabato notte nel Guendalina di Santa Cesarea

LECCE – Erano stati arrestati la notte fra sabato 1 e domenica 2 settembre all’interno della discoteca Guendalina di Santa Cesarea Terme. I carabinieri li avevano trovati con una dose di cocaina per 0,2 grammi, dodici di Mdma per 7,3 grammi e 145 euro in contanti. Sono tornati tutti liberi, oggi, al termine dell’udienza di convalida davanti al gip Vincenzo Brancato. Si tratta di Duilio Cazzato, 41enne di Tricase; Laura Angotzi, 42enne di Roma ed Errico Dell’Uomo, 39enne, anch’egli originario della Capitale. Cazzato era l’unico finito ai domiciliari, mentre gli altri due in carcere.

I militari della compagnia di Maglie li avevano bloccati dentro il locale e dichiarati in arresto, dopo aver sentito il pubblico ministero di turno. E gli arresti sono stati convalidati, sebbene tutti e tre siano poi stati rimessi in libertà, rigettando le misure cautelari. Nel caso di Laura Angotzi, è stata presa come misura l’obbligo di dimora a Ugento, presso un’abitazione attualmente occupata, dalla quale non potrà uscire dalle 22 di sera alle 8 del mattino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cazzato era stato indicato nel verbale d’arresto come responsabile dell’intermediazione per la cessione di sostanze fra Angotzi e Dell’Uomo e soggetti terzi. Gli avvocati difensori dell’uomo di Tricase, Gianluca Ciardo e Federico Martella, hanno però ribattuto davanti al giudice che non vi sono riscontri sui soggetti che avrebbero beneficiato della sostanza.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • "Assalto" all'ipermercato per le offerte pasquali: assembramenti, arrivano i carabinieri

  • Coronavirus, muore 40enne positivo. Stretta su Pasqua e Pasquetta: “Nessuna gita consentita”

  • Epidemia da Covid-19: cinque decessi in provincia di Lecce, 18 nuovi casi

  • Incendiano l’auto di un 33enne: ma le videocamere immortalano la scena

  • Il passo del contagio ancora lento, ma in provincia di Lecce tre decessi

Torna su
LeccePrima è in caricamento