Cronaca Tricase

Fermati dentro la discoteca per spaccio, ritornano tutti e tre in libertà

Rigettata la misura cautelare per il giovane di Tricase e i due romani bloccati sabato notte nel Guendalina di Santa Cesarea

LECCE – Erano stati arrestati la notte fra sabato 1 e domenica 2 settembre all’interno della discoteca Guendalina di Santa Cesarea Terme. I carabinieri li avevano trovati con una dose di cocaina per 0,2 grammi, dodici di Mdma per 7,3 grammi e 145 euro in contanti. Sono tornati tutti liberi, oggi, al termine dell’udienza di convalida davanti al gip Vincenzo Brancato. Si tratta di Duilio Cazzato, 41enne di Tricase; Laura Angotzi, 42enne di Roma ed Errico Dell’Uomo, 39enne, anch’egli originario della Capitale. Cazzato era l’unico finito ai domiciliari, mentre gli altri due in carcere.

I militari della compagnia di Maglie li avevano bloccati dentro il locale e dichiarati in arresto, dopo aver sentito il pubblico ministero di turno. E gli arresti sono stati convalidati, sebbene tutti e tre siano poi stati rimessi in libertà, rigettando le misure cautelari. Nel caso di Laura Angotzi, è stata presa come misura l’obbligo di dimora a Ugento, presso un’abitazione attualmente occupata, dalla quale non potrà uscire dalle 22 di sera alle 8 del mattino.

Cazzato era stato indicato nel verbale d’arresto come responsabile dell’intermediazione per la cessione di sostanze fra Angotzi e Dell’Uomo e soggetti terzi. Gli avvocati difensori dell’uomo di Tricase, Gianluca Ciardo e Federico Martella, hanno però ribattuto davanti al giudice che non vi sono riscontri sui soggetti che avrebbero beneficiato della sostanza.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermati dentro la discoteca per spaccio, ritornano tutti e tre in libertà

LeccePrima è in caricamento