Dissequestrati i beni personali degli imprenditori Pasquale e Saverio De Lorenzis

Il provvedimento emesso in mattinata dai giudici chiamati a decidere sui sigilli posti a maggio dalla guardia di finanza

LECCE - Cadono molti dei sigilli apposti lo scorso maggio dagli uomini del nucleo di polizia economica finanziaria della Guardia di finanza ai beni dei fratelli Pasquale, 44 anni, e Saverio De Lorenzis, di 41, noti imprenditori di Racale. Il dissequestro è stato disposto questa mattina dai giudici della seconda sezione penale (presieduta dal giudice Pasquale Sansonetti). Si tratta di una cinquantina di beni, tra appartamenti e terreni, nei comuni di Lecce, Gallipoli e Racale. Il provvedimento è arrivato sulla scorta della perizia provvisoria e d’urgenza, disposta dal collegio e anche sulle consulenze di parte.

Per gli altri beni ancora sotto sequestro, comprese le società, il Tribunale è in attesa di valutare un’ulteriore perizia, per la cui redazione sono stati concessi 90 giorni, e la relazione dell’amministratore giudiziario nominato dallo stesso Tribunale.

Il sequestro complessivo riguardò 93 fabbricati (una struttura alberghiera a Gallipoli, abitazioni, ville, locali commerciali e garage, autovetture), 33 terreni agricoli ubicati nei comuni di Ugento, Racale, Taviano, Gallipoli e Melissano e 9 società capitali, per un valore complessivo di 15milioni di euro, riconducibili a Pasquale e Saverio De Lorenzis e agli altri due fratelli Salvatore, di 50 anni, e Pietro, di 51, e a Pompeo Caputo, di 55 anni, residente a Gallipoli, ritenuto prestanome.

Si tratta dello stesso patrimonio sequestrato nel 2015 - nell’ambito dell’inchiesta “Clean Game”, sul presunto sodalizio che avrebbe fatto affari soprattutto con le slot machines - ma che fu restituito in seguito al mancato riconoscimento dell’associazione mafiosa (presupposto sul quale si fondava il sequestro) da parte del Tribunale del Riesame e poi della Corte di Cassazione.

Attraverso successive indagini condotte dal Gico di Lecce e coordinate dalla Direzione Antimafia di Lecce sarebbero però stati raccolti numerosi elementi sull’elevata pericolosità sociale degli investigati e sull’esistenza di una netta sperequazione tra le disponibilità economico – patrimoniali e la modesta posizione reddituale dichiarata, tali da rendere possibile il secondo sequestro anticipato (così come prevede la legislazione antimafia).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I fratelli De Lorenzis, fanno sapere attraverso l’avvocato Francesco Fasano (che li assiste con i colleghi Gabriella Mastrolia e Francesco Paolo Sisto) di essere felici del provvedimento emesso oggi e di essere fiduciosi in merito agli ulteriori sviluppi processuali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Notte di terrore: entrano in casa in quattro, uomo bloccato e rapinato

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

  • In ospedale per un controllo, avvocato scopre di essere positivo al Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento