Cronaca

Alle fiamme piante da giardino provenienti dal Leccese. Monta la paura della Xylella

Gli uomini dell'Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali hanno bruciato 102 arbusti di Polygala Myrtifolia, sequestrate il 24 febbraio dagli agenti del Corpo forestale dello Stato in una rivendita di Brindisi e prive di documentazione

Gli uomini dell'Arif in zona Restinco.

BRINDISI – Al rogo, come le presunte streghe nel Medioevo. Dilaga in tutta la Puglia la paura che il batterio della Xylella fastidiosa possa diffondersi ben oltre la penisola salentina. E così, per il timore che fossero vettori del batterio, gli uomini dell’Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali hanno bruciato in zona Restinco, a Brindisi, 102 piante di Polygala Myrtifolia, un arbusto da giardino, prive di documentazione e di provenienza riconducibile alla provincia di Lecce.

Come noto, tutto il Salento è considerato zona di quarantena nel tentativo di arginare il fenomeno del disseccamento dell’ulivo, ma anche di altre specie, rispetto al quale le istituzioni e la comunità scientifica nel suo complesso si sono fatte trovare impreparate. E, nell’ignoranza del rimedio certo, prendono piede i timori e si moltiplicano le grida d’allarme. E’ di ieri la nota del consigliere regionale di Forza Italia, Antonio Scianaro, che segnala la presenza del batterio nelle campagne del Brindisino.

Le piante distrutte erano state sequestrate il 24 febbraio scorso dagli agente del Corpo forestale dello Stato  che le avevano rintracciate in una rivendita brindisina. Il giorno successivo è stato effettuato un altro controllo presso un grande ipermercato della zona, sulla strada per Mesagne, dove 52 piante del genere “Prunus” – ciliegio, albicocco, susino, prugno, pesco e mandorlo sono risultate prive della documentazione richiesta dalla normativa comunitaria.  Anche in questo caso sono stati gli agenti a smaltire le piante, sebbene la legge preveda che sia il titolare dell’esercizio a farlo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alle fiamme piante da giardino provenienti dal Leccese. Monta la paura della Xylella

LeccePrima è in caricamento