Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Gallipoli

Divelti due dissuasori che "chiudono" Piazza Aldo Moro

Episodi anomali nel giro di pochi giorni registrati dai vigili urbani: atto vandalico o automobilisti sconsiderati? Palumbo: "Spero non si tratti di gesti incivili. In arrivo barriere e telecamere"

I dissuasori di piazza Moro.

GALLIPOLIO - I dissuasori di piazza Aldo Moro nel centro di Gallipoli, vanno a ruba. O vengono distrutti da automobilisti sconsiderati che cercano di superare lo sbarramento posto all'altezza di via della Cala e nei pressi del Santuario del Canneto. E' quanto stanno cercando di stabilire con certezza i vigili urbani del Comando cittadino in seguito al secondo episodio registrato nell'arco di pochi giorni. L'altra notte infatti un secondo dissuasore è stato smantellato dal suo alloggiamento dopo che un fatto analogo si era registrato lo scorso fine settimana.

Non è ancora del tutto chiaro se si possa parlare di atto vandalico mirato o se si sia trattato di un'autovettura guidata da qualche sconsiderato che è andata a sbattere contro il dissuasore, o ancora di qualche altro tipo di inconveniente. Di certo c'è da registrare che si tratta già del secondo danneggiamento che si realizza nell'arco di pochi giorni dalla chiusura della stessa piazza.


"Vedremo se sono atti vandalici o semplici disattenzioni" commenta l'assessore ai lavori pubblici Biagio Palumbo e artefice del ritorno dell'isola pedonale in piazza Moro "il popolo gallipolino vuole a stragrande maggioranza che quella piazza resti chiusa al traffico e non è possibile restare assoggettati a volontà diverse e soprattutto a comportamenti che ledono gli interessi della città. Stiamo esaminando la possibilità di rafforzare la chiusura della piazza in modo più consistente ed efficace e di eventualmente di utilizzare delle telecamere. Mi auguro comunque" conclude, "che l'atteggiamento positivo dei cittadini si manifesti ancora contro tali atti incivili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Divelti due dissuasori che "chiudono" Piazza Aldo Moro

LeccePrima è in caricamento