Divieto di accendere falò, tre squadre vigilano sul litorale leccese

Dalle 18 sei operatori della protezione civile comunale e una pattuglia di polizia locale impegnati nelle marine e nell'area del Parco di Rauccio

Foto di repertorio.

LECCE – Sei operatori della protezione civile comunale e una pattuglia della polizia locale di Lecce sono impegni dalle 18 nel servizio antincendio permanente, rinforzato in occasione della ricorrenza di San Lorenzo, di solito teatro di falò serali sulle spiagge del litorale. Una consuetudine – va detto subito, vietata dalle norme - che porta con sé il rischio di incendi e di deturpazione dell’ambiente a causa soprattutto dell’abbandono di rifiuti.

Tre mezzi, di cui due 4x4, presidieranno le marine del capoluogo e l’area protetta del Parco di Rauccio per vigilare su boschi, arenile, aree dunali, secondo quanto previsto dall’ordinanza balneare della Regione Puglia e da quella sindacale sulla pericolosità degli incendi boschivi.

Il comando di viale Rossini fa sapere che i controlli riguarderanno anche gli stabilimenti balneari: in tanti, infatti, hanno organizzato feste a suon di musica e divertimento mentre con lo sguardo si cercherà di intercettare la parabola delle stelle cadenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viavai sospetto intorno a casa, blitz dei carabinieri: trovati droga e soldi

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Guerra a chi passa con il rosso: incroci semaforici in città, arrivano sei photored

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Curva stabile, quasi 1500 positivi. Casarano e Alessano scuole solo in Ddi

Torna su
LeccePrima è in caricamento