Documento falsificato, auto radiata: da Martano l'indagine valica il confine

Da un controllo ordinario della polizia locale gli accertamenti si sono estesi fino a Chiasso, in Svizzera. Intanto il veicolo è stato confiscato

MARTANO – Nel corso di un normale servizio di controllo sul territorio - era la fine di aprile - la pattuglia di cui era parte la comandante della polizia locale di Martano, Alessandra Fazzi, ha intimato l’alt a una vettura immatricolata all’estero e condotta da un salentino. La multa per violazione del Codice della strada, nella parte in cui si regola la circolazione dei veicoli stranieri, il sequestro del mezzo e la denuncia penale, sono stati però solo il primo tassello di un effetto domino per un’indagine, nelle mani della procura della Repubblica di Lecce, che valica i confini nazionali: forte è il sospetto che ci possa essere un losco giro di ampia portata.

Dopo aver inoltrato il libretto di circolazione alla Motorizzazione Civile, la polizia locale ha infatti scoperto, con la collaborazione del Centro di Cooperazione di Polizia e Dogana di Chiasso (Svizzera), della Sezione dei falsi documentali del Reparto Radiomobile di Milano e della stazione dell’Arma di Martano, che il documento era stato falsificato, e che l’auto era stata già radiata dal corrispondente archivio nazionale già sei anni addietro. La targa, invece, è risultata appartenere a un altro veicolo, anch’esso cancellato.

Nei giorni scorsi, infine, è scattato il provvedimento di confisca perché, nonostante il precedente provvedimento di sequestro adottato in primavera, l’auto era stata utilizzata per ulteriori duemila chilometri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Difendere un assassino, l’avvocato di De Marco: “Non siamo dei mostri”

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento