Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

Domestica infedele preleva quasi 5mila euro con postamat di pensionata

Denunciata una donna di Cavallino. Mentre un rumeno è stato scoperto autore di furti di cellulari e soldi a Campo Verde, San Cataldo

LECCE – La domestica infedele incastrata dalle indagini dei carabinieri della stazione di Lecce Principale. E finisce con una denuncia a piede libero per B.N.C., 49enne di Cavallino. Ieri si è formalizzata l’iscrizione nel registro degli indagati per la donna, dopo gli accertamenti scaturiti dalla denuncia presentata da una pensionata.

Già, perché sembra che per poco più di un anno intero, e per la precisione dal 12 dicembre del 2016, fino al 16 gennaio scorso, la collaboratrice domestica abbia effettuato prelievi in modo fraudolento. Usando la carta postamat della padrona di casa. Un piccolo prelievo alla volta, per evitare di farsi scoprire, fino a raggranellare la somma non indifferente di 4mila e 900 euro. Insomma, se non le ha svuotato il conto, poco ci manca.

Un altro furto si è concluso co una denuncia degli stessi militari della stazione leccese. E questa volta, l’autore probabilmente nemmeno pensava di poter essere più scoperto, visto che la vicenda risale nientemeno che al 27 luglio del 2016.  A finire nei guai, M.A., rumeno 33enne, attualmente domiciliato a Pozza di Fassa, in provincia di Trento.

Il 33enne straniero, su denuncia presentata da una donna, è stato veniva identificato quale autore del furto di due telefoni cellulari e di 400 euro in contanti, avvenuto nell’estate del 2016 all’interno del villaggio turistico “Campo Verde”, che si trova alle spalle del bosco, nella marina di San Cataldo. Come dire: non è mai troppo tardi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domestica infedele preleva quasi 5mila euro con postamat di pensionata

LeccePrima è in caricamento