Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Morciano di Leuca

Dopo aver accoltellato la fidanzata per gelosia, torna a casa Vitali: domiciliari

Il 30enne di Morciano era finito in carcere ieri con l’accusa di tentato omicidio. In lacrime, davanti al giudice: “Non volevo ucciderla”

LECCE - Ha lasciato il carcere Giorgio Vitali, il 30enne di Gagliano di Leuca arrestato ieri per il tentato omicidio della ragazza di 26 anni, a Morciano di Leuca. Il giudice Vincenzo Brancato, al termine dell’interrogatorio tenutosi in mattinata, gli ha concesso i domiciliari, accogliendo così la richiesta del difensore, l’avvocato Paolo Pepe, avanzata alla luce di diversi elementi: la confessione, il pentimento, l’assenza del pericolo di fuga e di reiterazione del reato e lo stato di incensuratezza.

Non aveva alcuna intenzione di uccidere la sua donna, ma la gelosia gli avrebbe tolto i lumi della ragione tanto da impugnare un coltello e affondare più volte la sua lama alle spalle dell’amata. Si è difeso così davanti al giudice Vitali, provato dal rimorso, confessando, in lacrime, il terribile gesto così come, dopo qualche resistenza iniziale, aveva fatto con i carabinieri della stazione di Salve e ai colleghi del Norm della compagnia di Tricase.

L’episodio risale alla notte di domenica scorsa, a Morciano, in un'abitazione dei famigliari della vittima. Al culmine di una discussione, dovuta alla gelosia, Vitali ha impugnato un coltello da cucina e dopo aver ferito la fidanzata (che fortunatamente non è in pericolo di vita), si è allontanato, contattando poi un’amica di lei che giunta sul posto ha allertato il 118.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo aver accoltellato la fidanzata per gelosia, torna a casa Vitali: domiciliari

LeccePrima è in caricamento