Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca Stadio / Via Rapolla

Dopo il sequestro milionario del 2016, nuovi guai per Schipa: sigilli a una casa

La Dia di Lecce ha eseguito il provvedimento, scaturito nell’indagine partita da un paio di segnalazioni. Il 53enne condannato in primo grado per l’attentato nel negozio “Sogni”

Il fabbricato sequestrato in via Rapolla

LECCE – Nuovo colpo al patrimonio immobiliare di Giampiero Schipa. La Direzione investigativa antimafia di Lecce ha sequestrato in città una lussuosa villa intestata alla  moglie, ma in uso  a Giampiero Schipa, il 53enne leccese condannato in primo grado, nel marzo dello scorso anno, a 5 anni e 5 mesi di reclusione, nell’ambito del processo per la distruzione del negozio “Sogni” e per la morte di Michele De Matteis, nel mese di agosto del 2011.

Il provvedimento è stato emesso dalla Seconda sezione penale del Tribunale di Lecce, su proposta del procuratore della Repubblica di Lecce. La misura scaturisce dal risultato di indagini economico-patrimoniali svolte dalla Dia del capoluogo salentino, partite da due segnalazioni di operazioni sospette. Nuovi immobili, stando agli accertamenti, sarebbero stati acquistati da Schipa e dalla moglie, proprio nel 2016, anno dell’altro sequestro.

Si tratta di un fabbricato composto da nove vani, in via Rapolla, il cui valore è risultato sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati dalla famiglia. Il sequestro segue a quello compiuto infatti  il 9 dicembre 2016, che ha interessato, tra l’altro, una tabaccheria e circa una decina di immobili situati a Lecce e in provincia, intestati a Schipa. In quell’occasione, il valore dei sigilli si attestò attorno a un milione e mezzo di euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo il sequestro milionario del 2016, nuovi guai per Schipa: sigilli a una casa

LeccePrima è in caricamento