Dopo le minacce di morte, pretende 250 euro: i carabinieri presentano il conto

Un 49enne è stato fermato dai militari subito dopo aver incassato la somma che la vittima aveva depositato in un armadietto: dentro anche una roncola

CAVALLINO – I carabinieri che lo hanno arrestato un attimo dopo essersi messo in tasca 250 euro. Giovanni De Riccardis, 49enne di Cavallino, è stato fermato per estorsione, in flagranza di reato. L’uomo, infatti, aveva appena prelavato la somma pretesa dalla vittima dopo ripetute minacce di morte che avevano interessato anche il figlio.

Per sistemare la questione, che si spiega con dissidi di natura privata, il 49enne aveva chiesto al suo interlocutore di lasciare il denaro nell’armadietto utilizzato nel suo posto di lavoro. L’uomo ha seguito le indicazioni, non prima però di aver sporto denuncia presso i militari della stazione di Cavallino che, subito dopo la consegna, sono intervenuti insieme ai loro colleghi del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Lecce.

Nell’armadietto i carabinieri hanno anche trovato due coltelli e una roncola, che sono stati sequestrati in via precauzionale, sebbene non risulta siano mai stati utilizzati dal 49enne.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento