Dopo l'orrore del massacro, un intero paese si ferma in ricordo delle vittime

Venerdì sera sotto i colpi di pistola esplosi da un 57enne, sono caduti figlio, padre e zia. Il sindaco di Cursi ha proclamato il lutto cittadino

CURSI – Un paese di poco più di 4mila abitanti vive oggi uno dei momenti più drammatici ed emotivamente intensi della sua storia recente. A Cursi, infatti, alle 16.30 è iniziata la celebrazione, presso la chiesa madre di San Nicola, dei funerali di Andrea Marti, del padre Franco e della zia Maria Assunta Quarta.

Sono le vittime cadute sotto i colpi di pistola esplosi da Roberto Pappadà nella tarda serata di venerdì. Esito truce di rancori covati nel tempo per questioni banali che non di rado inaspriscono i rapporti tra vicini. L'efferato delitto avrebbe potuto avere un esito ancora più nefasto: la fidanzata di Andrea, che era a bordo con lui sulla prima auto rientrata in via Tevere, è stata "risparmiata". La madre, invece, è stata ferita: era tornata casa su un'altra vettura con il marito, la sorella e il marito di quest'ultima, che è riuscito a mettersi al riparo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco, Antonio Melcore, ha disposto in mattinata la proclamazione del lutto cittadino, in vigore dalle 14 alle 19. Il primo cittadino ha ordinato l’esposizione delle bandiere a mezz’asta negli edifici pubblici e ha invitato i titolari di esercizi commerciali, la organizzazioni di ogni tipo e le associazioni sportive a sospendere le proprie attività “in segno di accoglimento e rispetto durante i funerali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio nella casa di riposo e il dato dei contagi in Puglia s'impenna

  • Duplice delitto, l’istinto omicida anche in ospedale e la nuova perizia sui bigliettini dell’orrore

  • Covid-19, balzo al 6,5 per cento dei nuovi infetti: sono 350 in Puglia

  • In centinaia ne “La Fabbrica”, piomba la polizia: locale chiuso cinque giorni

  • Salento controcorrente: il trend dell'epidemia frena. Metà dei ricoveri da fuori

  • Schianto sulla Nardò-Avetrana. Apecar contro pullman, muore un agricoltore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento