rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Cronaca Melissano

Doppia rapina, due anni e sei mesi da scontare. Fu esploso anche un colpo d'arma

Marco Macrì, melissanese, operaio 24enne, è stato condotto in carcere dai carabinieri. Nell'estate del 2011 mise a segno con altri individui due colpi a Torre Suda, in un appartamento e ai danni dell'impiegato di un albergo

 

MELISSANO – Mise a segno due rapine, entrambe a Torre Suda, marina di Racale, ma fu scoperto e arrestato. Ora Marco Macrì, melissanese, operaio 24enne, deve scontare la pena per quei fatti, avvenuti nell’agosto del 2011. Il giovane, che si trovava già ai domiciliari, è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Melissano, su ordine della procura generale della Repubblica. Dovrà scontare una pena residua di due anni e sei mesi reclusione e pagare una sanzione di mille euro.

I fatti per cui si è proceduto all’arresto risalgono, come detto, all’estate dello scorso anno, quando Macrì, con alti individui, fu arrestato dai militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Casarano, dopo l’esecuzione di due rapine nella località marittima della costa jonica. La prima, in Macrì-3un’abitazione, ai danni di un artigiano che si trovava in villeggiatura; la seconda, nei confronti di un dipendente di un albergo del posto, al termine del proprio turno di lavoro.

Grazie soprattutto alle minuziose informazioni fornite dalle vittime, i carabinieri individuarono i giovani in località Posto Rosso, sequestrando anche una pistola “scacciacani” utilizzata per esplodere un colpo a scopo intimidatorio durante le fasi della rapina nell’abitazione. Macrì è stato condotto presso la casa circondariale di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doppia rapina, due anni e sei mesi da scontare. Fu esploso anche un colpo d'arma

LeccePrima è in caricamento