rotate-mobile
Bottino da 1600 euro / Tuglie / Circonvallazione

Doppia rapina nella stessa zona: in poche ore colpiti una tabaccheria e un bar. Spari a salve

Accade a Tuglie dove un malvivente in solitaria sarebbe indiziato come l’autore di due distinte azioni avvenute nella mattinata e in serata: primo colpo in largo Fiera, il secondo nell’area di servizio Q8 sulla circonvallazione

TUGLIE – Nei romanzi gialli si usa dire che un assassino torni sempre sul luogo del delitto. Nel caso di Tuglie, l’assunto sembrerebbe applicabile anche alle rapine con un malvivente in azione per ben due volte, a stretto giro, sugli stessi luoghi. Parafrasando si potrebbe affermare che il “rapinatore torni sempre sul luogo del reato”.

Digressioni letterarie e analogie possibili a parte, la cronaca delle ultime ore confeziona proprio la storia di una doppia rapina messa a segno dalla stessa mano nell’arco di dieci ore.

Il primo colpo è avvenuto in una tabaccheria in largo Fiera, a metà mattinata: qui, un individuo con il viso semi-travisato da un cappuccio, disarmato, si è introdotto nell’esercizio puntando la titolare, una 49enne del posto, intimandole con minacce di consegnare l’incasso.

La donna, spaventata, ha consegnato circa 600 euro contenuti all’interno del registratore di cassa. Una volta arraffato il denaro, il malvivente è scappato via facendo perdere le proprie tracce.

Sul luogo, sono intervenuti i carabinieri della stazione di Sannicola, che hanno raccolto la testimonianza della donna e hanno cercato elementi ulteriori per risalire al responsabile dell’accaduto.

Ma si diceva che se l’assassino torni sempre sul luogo del delitto, anche il rapinatore non è da meno, almeno in questo caso. E, infatti, in serata, poco prima delle 20, sempre a Tuglie, la seconda rapina con il sospetto che si tratti della stessa mano. Ci sono alcuni elementi che sembrano portare in questa direzione, a partire dal colore della felpa indossata nelle due occasioni.

Comunque sia, il secondo colpo è avvenuto ai danni del bar “Traffic” annesso all’area di servizio Q8 che sorge sulla via Circonvallazione, in un raggio di circa un chilometro e mezzo da Largo Fiera, il luogo in cui sorge il primo esercizio preso di mira. Con l’auto ci si arriva, stando alle indicazioni del navigatore, da una zona all’altra, in appena tre minuti, quattro minuti al massimo.

Largo Fiera dove sorge la tabaccheria

In questa occasione, le telecamere hanno registrato ogni movimento: si vede l’accesso del soggetto nell’area di servizio da una strada posteriore e, prima di entrare nel bar, il malvivente esplodere due colpi con una pistola scacciacani.

Una volta guadagnato l’ingresso, l’individuo solitario si è fatto consegnare l’incasso dalla titolare dell’esercizio, una 38enne del posto: circa mille euro in contanti, che, una volta ricevuti, lo hanno portato ad allontanarsi nella stessa direzione da cui era arrivato. Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita.

Sul posto, sono intervenuti questa volta i carabinieri di Gallipoli che hanno raccolto le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza e procedono. Per il rapinatore solitario un bottino totale di circa 1600 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doppia rapina nella stessa zona: in poche ore colpiti una tabaccheria e un bar. Spari a salve

LeccePrima è in caricamento