rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Cronaca

Droga e pistola, l’arrestato al giudice: “Non ero l'unico a usare la masseria”

Mirko De Vitis si è avvalso della facoltà di non rispondere, ma ha rilasciato dichiarazioni spontanee durante l’interrogatorio di oggi, al termine del quale ha ottenuto i domiciliari

LECCE - La masseria dove tre giorni fa sono state trovate droga, pistola e piante illegali alimentate con energia rubata non era solo nella disponibilità dell’uomo che, al termine della perquisizione dei carabinieri, è finito in carcere. A spiegarlo è stato proprio l’arrestato, Mirco De Vitis, 35 anni di Lecce, durante l’interrogatorio che si è tenuto oggi davanti al giudice Giulia Proto e all’esito del quale sono stati disposti i domiciliari.

Assistito dall’avvocato Raffaele Benfatto, l’indagato si è avvalso della facoltà di non rispondere, rilasciando alcune dichiarazioni spontanee come quella di non essere l’unico ad aver utilizzato il podere, essendo sprovvisto di un cancello, e di cui oltretutto non è il proprietario, ma senza indicare qualcuno in particolare.

Ad eseguire l’arresto erano stati i carabinieri della sezione operativa che, nel cuore della notte, insieme ai colleghi del Nipaaf, il Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale, avevano fatto un sopralluogo nella masseria, sulla litoranea che collega le marine di Frigole e San Cataldo, trovando: un chilogrammo e 260 grammi di marijuana e sette piante di “erba” e una pistola calibro 7,65 con 47 proiettili dello stesso calibro.

Ma non finisce qui. Era stato anche appurato che l’energia elettrica venisse sottratta con un allaccio diretto alla rete.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga e pistola, l’arrestato al giudice: “Non ero l'unico a usare la masseria”

LeccePrima è in caricamento